HOME PARROCCHIA IL SANTO APPUNTAMENTI I PELLEGRINAGGI FOTO ALBUM LA VOCE VIDEO ANNO S. PIO X
NOTIZIE INTENZIONI I GRUPPI PREGHIERE IL CAMPANILE CHENNAI CONTATTI DONAZIONI HELP
.
 Notizie - AGOSTO 2018

In questa sezione sono elencat tutte le news mensili relative alla parrocchia e al sito.
Dal menù a destra selezioni il mese che vuoi vedere.



-XXIIma DOMENICA T.O.

Sassari
31/08/2018



+ XXIIma DOMENICA +

«ASCOLTATEMI TUTTI E COMPRENDETE BENE! NON C’È NULLA FUORI DELL’UOMO CHE, ENTRANDO IN LUI, POSSA RENDERLO IMPURO»

Marco 7,14-15
    

+ VANGELO SECONDO MARCO (7,1-8.14-15.21-23)

In quel tempo, si riunirono attorno a Gesù i farisei e alcuni degli scribi, venuti da Gerusalemme. Avendo visto che alcuni dei suoi discepoli prendevano cibo con mani impure, cioè non lavate – i farisei infatti e tutti i Giudei non mangiano se non si sono lavati accuratamente le mani, attenendosi alla tradizione degli antichi e, tornando dal mercato, non mangiano senza aver fatto le abluzioni, e osservano molte altre cose per tradizione, come lavature di bicchieri, di stoviglie, di oggetti di rame e di letti –, quei farisei e scribi lo interrogarono: «Perché i tuoi discepoli non si comportano secondo la tradizione degli antichi, ma prendono cibo con mani impure?». Ed egli rispose loro: «Bene ha profetato Isaìa di voi, ipocriti, come sta scritto: "Questo popolo mi onora con le labbra, ma il suo cuore è lontano da me. Invano mi rendono culto, insegnando dottrine che sono precetti di uomini". Trascurando il comandamento di Dio, voi osservate la tradizione degli uomini». Chiamata di nuovo la folla, diceva loro: «Ascoltatemi tutti e comprendete bene! Non c’è nulla fuori dell’uomo che, entrando in lui, possa renderlo impuro. Ma sono le cose che escono dall’uomo a renderlo impuro». E diceva [ai suoi discepoli]: «Dal di dentro infatti, cioè dal cuore degli uomini, escono i propositi di male: impurità, furti, omicidi, adultèri, avidità, malvagità, inganno, dissolutezza, invidia, calunnia, superbia, stoltezza. Tutte queste cose cattive vengono fuori dall’interno e rendono impuro l’uomo».



COMMENTO ALLE LETTURE DELLA DOMENICA

Oggi la liturgia domenicale ci parla di una vicinanza e di una lontananza. Dio, nel Deuteronomio, si rivela come colui che è vicino: «Quale grande nazione ha gli dèi così vicini a sé, come il Signore, nostro Dio, è vicino a noi ogni volta che lo invochiamo?». Se Dio è vicino, purtroppo siamo noi a essere spesso lontani, come ammonisce Gesù in Marco: «Questo popolo mi onora con le labbra, ma il suo cuore è lontano da me». A rendere possibile la vicinanza o, al contrario, a creare distanza, è il nostro modo di relazionarci con la parola di Dio. Il Signore si fa vicino a noi con il dono della sua parola, che ci istruisce su come camminare nelle vie di Dio, per custodire la grazia di questa prossimità. Se, anziché ascoltare e obbedire alla parola di Dio, la sostituiamo o vi sovrapponiamo le nostre parole e le nostre tradizioni, come fanno gli scribi e i farisei descritti dal Vangelo, ecco allora che le nostre vie divergono da Dio e noi ci allontaniamo da lui. È per noi fondamentale, allora, recepire l’invito dell’apostolo Giacomo: «Accogliete con docilità la Parola… Siate di quelli che mettono in pratica la Parola, e non ascoltatori soltanto».

CAMBIO ORARI

Da VENERDI' 31 AGOSTO gli orari in vigore per le Sante Messe saranno i seguenti:

- GIORNI FERIALI: 08:30 - 18:00
- GIORNI FESTIVI: 08:30 - 10:00 - 18:00 **
** Il sabato sera si celebra la S. Messa vespertina della Domenica.


AVVISO: GITA PARROCHIALE

Per l'inizio del prossimo anno socio-pastorale la Parrocchia organizza una gita a Gonare sabato 8 settembre 2018.

Ore 6:15 raduno e poi partenza per il paese il Santuario della Madonna di Gonare, all'arrivo celebrazione della S. Messa e vista del Santuario. Si narra che Gonario, Giudice di Torres, al ritorno da una delle sue tante crociate nell'anno del Signore 1147, fu sorpreso da una tempesta al largo delle coste sarde. Credendosi ormai perso, fece un voto alla Madonna ovvero edificare un santuario, sulla cima più alta che da li fosse in grado di vedere. Quella cima era il Monte Dore. Gonario di Torres si salvò dal naufragio e tenne fede alla sua promessa. Da allora il Santuario della Madonna di Gonare domina la Barbagia e il mare sui due lati (Est ed Ovest). Il monte di Gonare svetta per 1.086 metri con la sua bellissima forma a piramide. Ogni anno nel periodo che va dal 1 all'8 settembre è meta di migliaia di pellegrini proveniente da tutta l'isola.
Al termine pranzo in ristorante e rientro in serata a Li Punti. Quota di partecipazione € 55. Per informazioni rivolgersi in Parrocchia.


AVVISO: ISCRIZIONI AL CATECHISMO

Da lunedì 17 settembre sarà possibile effettuare l'iscrizione dei bambini al Primo Anno del Catechismo, per coloro che stanno già frequentando non è necessario riscriversi.


AVVISO: DOMENICA 7 OTTOBRE INIZIO NUOVO ANNO

Domenica 7 ottobre con la S. Messa delle ore 10:00 si riprenderà un nuovo anno socio-pastorale.
In questo mese di settembre i gruppi parrocchiali saranno contattati per preparare il nuovo anno.


PELLEGRINAGGIO PARROCCHIALE 2018 E ALTRI

Sono in programma quest'anno un pellegrinaggio a San Giovanni Rotondo dal 21 al 24 settembre ed un viaggio in Brasile dal 5 al 16 novembre. I programmi sono visionabili nella sezione e "Pellegrinaggi".





-XXIma DOMENICA T.O.

Sassari
24/08/2018



+ XXIma DOMENICA +

«PER QUESTO VI HO DETTO CHE NESSUNO PUÒ VENIRE A ME, SE NON GLI È CONCESSO DAL PADRE»

Giovanni 6,65
    

+ VANGELO SECONDO GIOVANNI (6,60-69)

In quel tempo, molti dei discepoli di Gesù, dopo aver ascoltato, dissero: «Questa parola è dura! Chi può ascoltarla?». Gesù, sapendo dentro di sé che i suoi discepoli mormoravano riguardo a questo, disse loro: «Questo vi scandalizza? E se vedeste il Figlio dell’uomo salire là dov’era prima? È lo Spirito che dà la vita, la carne non giova a nulla; le parole che io vi ho detto sono spirito e sono vita. Ma tra voi vi sono alcuni che non credono». Gesù infatti sapeva fin da principio chi erano quelli che non credevano e chi era colui che lo avrebbe tradito. E diceva: «Per questo vi ho detto che nessuno può venire a me, se non gli è concesso dal Padre». Da quel momento molti dei suoi discepoli tornarono indietro e non andavano più con lui. Disse allora Gesù ai Dodici: «Volete andarvene anche voi?». Gli rispose Simon Pietro: «Signore, da chi andremo? Tu hai parole di vita eterna e noi abbiamo creduto e conosciuto che tu sei il Santo di Dio».



COMMENTO ALLE LETTURE DELLA DOMENICA

«SIGNORE, da chi andremo? Tu hai parole di vita eterna». «Perciò anche noi serviremo il Signore, perché egli è il nostro Dio». Veniamo posti di fronte a due decisioni: quella di Pietro e dei suoi compagni, che scelgono di continuare a seguire Gesù, mentre molti discepoli interrompono la sequela, scandalizzati dal discorso di Gesù sul pane della vita, che non hanno saputo ascoltare e comprendere (Vangelo); quella di Israele che, su invito di Giosuè, rinnova la propria fedeltà all’alleanza. Probabilmente, neppure i Dodici hanno compreso il discorso di Gesù (capiranno dopo la Pasqua), intuiscono però che la sua è una parola di vita eterna. Comprendono soprattutto che si possono fidare di colui che la pronuncia, e non vogliono perdere la relazione con la sua persona. Da chi altro andare? Chi altri può dare senso autentico all’esistenza? Anche Israele decide di servire il Signore perché ricorda tutto ciò che ha fatto per la sua liberazione e sa di poter continuare a nutrire fiducia in lui. Ogni vera relazione, anche quella tra marito e moglie (II Lettura), si fonda non sul fatto che si comprende tutto, ma sulla disponibilità a fidarsi gli uni degli altri.

CAMBIO ORARI

Da VENERDI' 31 AGOSTO gli orari in vigore per le Sante Messe saranno i seguenti:

- GIORNI FERIALI: 08:30 - 18:00
- GIORNI FESTIVI: 08:30 - 10:00 - 18:00 **
** Il sabato sera si celebra la S. Messa vespertina della Domenica.


AVVISO: GITA PARROCHIALE

Per l'inizio del prossimo anno socio-pastorale la Parrocchia organizza una gita a Gonare sabato 8 settembre 2018.

Ore 6:15 raduno e poi partenza per il paese il Santuario della Madonna di Gonare, all'arrivo celebrazione della S. Messa e vista del Santuario. Si narra che Gonario, Giudice di Torres, al ritorno da una delle sue tante crociate nell'anno del Signore 1147, fu sorpreso da una tempesta al largo delle coste sarde. Credendosi ormai perso, fece un voto alla Madonna ovvero edificare un santuario, sulla cima più alta che da li fosse in grado di vedere. Quella cima era il Monte Dore. Gonario di Torres si salvò dal naufragio e tenne fede alla sua promessa. Da allora il Santuario della Madonna di Gonare domina la Barbagia e il mare sui due lati (Est ed Ovest). Il monte di Gonare svetta per 1.086 metri con la sua bellissima forma a piramide. Ogni anno nel periodo che va dal 1 all'8 settembre è meta di migliaia di pellegrini proveniente da tutta l'isola.
Al termine pranzo in ristorante e rientro in serata a Li Punti. Quota di partecipazione € 55. Per informazioni rivolgersi in Parrocchia.


AVVISO: CARITAS PARROCCHIALE

Durante il periodo estivo NON SI ACCETTANO IN DONAZIONE INDUMENTI perché per motivi igienici non potranno essere scoccati nelle aule. Non si ferma invece la raccolta e la distribuzione dei generi alimentari.


PELLEGRINAGGIO PARROCCHIALE 2018 E ALTRI

Sono in programma quest'anno un pellegrinaggio a San Giovanni Rotondo dal 21 al 24 settembre ed un viaggio in Brasile dal 5 al 16 novembre. I programmi sono visionabili nella sezione e "Pellegrinaggi".





-XXma DOMENICA T.O. - FESTA PATRONALE

Sassari
17/08/2018



(foto del mosaico presente nel presbiterio raffigurante S. Pio X)

+ FESTA PATRONALE +

Solennità di San Pio X

Triduo dal 18 al 21 agosto

Domenica 19 agosto

+ XXma DOMENICA +

«CHI MANGIA LA MIA CARNE E BEVE IL MIO SANGUE RIMANE IN ME E IO IN LUI»

Giovanni 6,56
    

+ VANGELO SECONDO GIOVANNI (6,51-58)

In quel tempo, Gesù disse alla folla: «Io sono il pane vivo, disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno e il pane che io darò è la mia carne per la vita del mondo». Allora i Giudei si misero a discutere aspramente fra loro: «Come può costui darci la sua carne da mangiare?». Gesù disse loro: «In verità, in verità io vi dico: se non mangiate la carne del Figlio dell’uomo e non bevete il suo sangue, non avete in voi la vita. Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue ha la vita eterna e io lo risusciterò nell’ultimo giorno. Perché la mia carne è vero cibo e il mio sangue vera bevanda. Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue rimane in me e io in lui. Come il Padre, che ha la vita, ha mandato me e io vivo per il Padre, così anche colui che mangia me vivrà per me. Questo è il pane disceso dal cielo; non è come quello che mangiarono i padri e morirono. Chi mangia questo pane vivrà in eterno».



COMMENTO ALLE LETTURE DELLA DOMENICA

Oggi la liturgia ci invita a compiere un grande atto di fede per accogliere la Parola di Gesù che ci rivela la straordinaria realtà del Figlio di Dio che, per restare sempre con gli uomini e donare loro la vita eterna, sceglie di identificarsi con un cibo semplice, quotidiano, ordinario. Sceglie di farsi "pane" che diviene perenne "rendimento di grazie" o "Eucaristia". Egli identifica questo pane con la sua stessa persona nella quale sono associate la natura umana e quella divina, asserendo: «Io sono il pane» (Vangelo). I testi liturgici di questa domenica possono leggersi in questa chiave. L’Eucaristia "è" Gesù, certamente un uomo ma "disceso dal cielo". L’Eucaristia "è" Gesù, la sapienza di Dio che ci invita a un banchetto per acquisire intelligenza e conoscenza piena. L’Eucaristia "è" Gesù, il Figlio del Padre, che ci vuol fare partecipi della sua vita divina. L’Eucaristia, infine,"è" Gesù il Signore glorioso, cui la comunità cristiana intona salmi, inni e cantici spirituali. Gesù annulla davvero ogni distanza tra l’uomo e Dio, il quale è ormai talmente a lui prossimo da poter essere "mangiato".

PROGRAMMA FESTA PATRONALE
SAN PIO X

+ VANGELO SECONDO GIOVANNI (21,15-17)+


Quand'ebbero mangiato, Gesù disse a Simon Pietro: "Simone, figlio di Giovanni, mi ami più di costoro?". Gli rispose: "Certo, Signore, tu lo sai che ti voglio bene". Gli disse: "Pasci i miei agnelli". Gli disse di nuovo, per la seconda volta: "Simone, figlio di Giovanni, mi ami?". Gli rispose: "Certo, Signore, tu lo sai che ti voglio bene". Gli disse: "Pascola le mie pecore". Gli disse per la terza volta: "Simone, figlio di Giovanni, mi vuoi bene?". Pietro rimase addolorato che per la terza volta gli domandasse: "Mi vuoi bene?", e gli disse: "Signore, tu conosci tutto; tu sai che ti voglio bene". Gli rispose Gesù: "Pasci le mie pecore".

SABATO 18 AGOSTO

  • ore 17:30 Confessioni
    ore 19:00 Santa Messa presieduta da Don Giuseppe Virgilio, Cappellano dell'Università e della Chiesa S. Caterina in Sassari

DOMENICA 19 AGOSTO

  • ore 17:30 Confessioni
    ore 19:00 Santa Messa presieduta da Don Giuseppe Virgilio, Cappellano dell'Università e della Chiesa S. Caterina in Sassari

LUNEDI' 20 AGOSTO

  • Dalle 9:00 Santa Comunione agli ammalati e anziani nelle case
    ore 17:30 Confessioni
    ore 19:00 Santa Messa presieduta da Don Giuseppe Virgilio, Cappellano dell'Università e della Chiesa S. Caterina in Sassari

MARTEDI’ 21 AGOSTO + FESTA DI SAN PIO X +

  • ore 07:30 Santa Messa in collegamento radiofonico con Radio Maria
    Tutta la mattina nella piazza sosterà l’Autoemoteca dell’AVIS per la donazione del sangue
    ore 18:00 Santa Messa solenne presieduta da S.E.R. Mons. Gian Franco Saba, Arcivescovo Metropolita di Sassari, animata dal Coro Parrocchiale.
    ore 19:00 (circa) Processione nel quartiere col seguente itinerario:
    Chiesa - via Era - via Pala di Carru - via Bruno - via Salvo D'Acquisto - Via Camboni - Chiesa

MERCOLEDI’ 22 AGOSTO

  • ore 19:00 Santa Messa in suffragio per i parrocchiani defunti

DA SABATO 18 AGOSTO SARA’ PRESENTE ALL’INGRESSO DELLA CHIESA LA PESCA DI BENEFICENZA PER LE OPERE PARROCCHIALI



Cronologia della vita di San Pio X

- 2 giugno 1835: Giuseppe Sarto nasce a Riese (Treviso)
- 1846-1850: è studente a Castelfranco
- novembre 1850: entra in Seminario
- settembre 1858: riceve l'ordinazione sacerdotale
- novembre 1858: è mandato a Tombolo come Curato
- luglio 1867: è nominato parroco di Salzano
- novembre 1875: diventa Cancelliere vescovile e direttore spirituale in Seminario a Treviso
- novembre 1884: viene consacrato Vescovo a Roma
- aprile 1885: fa il suo ingresso a Mantova sua sede episcopale
- giugno 1893: viene fatto Cardinale e nominato Patriarca di Venezia
- novembre 1894: prende possesso della diocesi patriarcale di Venezia
- agosto 1903: è eletto Papa e sceglie come nome Pio X
- aprile 1905: emana l'enciclica Acerbo Nimis (significativa per la catechesi)
- 18 ottobre 1912: autorizza la pubblicazione del suo nuovo Catechismo
- 20 agosto 1914: muore a Roma
- 3 giugno 1951: viene beatificato dal Papa Pio XII
- 29 maggio 1954: è proclamato Santo dallo stesso pontefice


ORARI ESTIVI

A partire da DOMENICA 1 LUGLIO fino a VENERDI' 31 AGOSTO gli orari in vigore per le Sante Messe saranno i seguenti:

- GIORNI FERIALI: 08:00 - 19:00
- GIORNI FESTIVI: 08:00 - 10:00 - 19:00 **
** Il sabato sera si celebra la S. Messa vespertina della Domenica.


AVVISO: GITA PARROCHIALE

Per l'inizio del prossimo anno socio-pastorale la Parrocchia organizza una gita a Gonare sabato 8 settembre 2018. Per informazioni rivolgersi in Parrocchia.


AVVISO: CARITAS PARROCCHIALE

Durante il periodo estivo NON SI ACCETTANO IN DONAZIONE INDUMENTI perché per motivi igienici non potranno essere scoccati nelle aule. Non si ferma invece la raccolta e la distribuzione dei generi alimentari.


PELLEGRINAGGIO PARROCCHIALE 2018 E ALTRI

Sono in programma quest'anno un pellegrinaggio a San Giovanni Rotondo dal 21 al 24 settembre ed un viaggio in Brasile dal 5 al 16 novembre. I programmi sono visionabili nella sezione e "Pellegrinaggi".





-XIXma DOMENICA TEMPO ORDINARIO e SOLENNITA' ASSUNZIONE B.V. MARIA

Sassari
11/08/2018



+ XIXma DOMENICA +

«IO SONO IL PANE VIVO, DISCESO DAL CIELO. SE UNO MANGIA DI QUESTO PANE VIVRÀ IN ETERNO E IL PANE CHE IO DARÒ È LA MIA CARNE PER LA VITA DEL MONDO»

Giovanni 6,51
    

+ VANGELO SECONDO GIOVANNI (6,41-51)

In quel tempo, i Giudei si misero a mormorare contro Gesù perché aveva detto: «Io sono il pane disceso dal cielo». E dicevano: «Costui non è forse Gesù, il figlio di Giuseppe? Di lui non conosciamo il padre e la madre? Come dunque può dire: "Sono disceso dal cielo"?». Gesù rispose loro: «Non mormorate tra voi. Nessuno può venire a me, se non lo attira il Padre che mi ha mandato; e io lo risusciterò nell’ultimo giorno. Sta scritto nei profeti: "E tutti saranno istruiti da Dio". Chiunque ha ascoltato il Padre e ha imparato da lui, viene a me. Non perché qualcuno abbia visto il Padre; solo colui che viene da Dio ha visto il Padre. In verità, in verità io vi dico: chi crede ha la vita eterna. Io sono il pane della vita. I vostri padri hanno mangiato la manna nel deserto e sono morti; questo è il pane che discende dal cielo, perché chi ne mangia non muoia. Io sono il pane vivo, disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno e il pane che io darò è la mia carne per la vita del mondo».



COMMENTO ALLE LETTURE DELLA DOMENICA

La liturgia di questa domenica ci pone davanti la figura del Profeta Elìa, l’uomo d’urto, il profeta misterioso che vive un momento faticoso a causa della difesa di Dio, il vero e unico Dio d’Israele. Deve fuggire dall’ira del re Acab per salvarsi. È deluso, sconfitto, amareggiato, impaurito. Non ha altro che chiedere: «Ora basta Signore! Prendi la mia vita ». Il Signore lo conforta con un cibo misterioso che gli dà forza per riprendere il cammino fino al monte di Dio. Questo cibo misterioso è come una prefigurazione dell’Eucaristia. Nel profeta Elìa possiamo intravvedere la parabola della nostra vita, segnata da paure, fallimenti, insuccessi, delusioni. Siamo assaliti dalla tentazione di mollare e gridare come il profeta: «Ora basta, Signore! Prendi la mia vita». Ma questa vita è dono di Dio ed è il Signore (Vangelo) che nella nostra lunga marcia si fa incontro e ci dona «il pane che discende dal cielo», il pane che ci conduce fino all’Oreb, alla santa montagna. Non è l’angelo che ci ordina di mangiare. È lui Cristo Gesù, «il pane vivo disceso dal cielo». Chi ne mangia non muore. È Cristo che consegna la sua carne per la vita del mondo.



Simulacro della B.V. Maria Assunta presente nella Chiesa di S. Maria in Betlem (Sassari)

Mercoledì 15 agosto

+ SOLENNITA' ASSUNZIONE DELLA B.V. MARIA +

+ VANGELO SECONDO LUCA (1,39-56)

In quei giorni Maria si alzò e andò in fretta verso la regione montuosa, in una città di Giuda. Entrata nella casa di Zaccarìa, salutò Elisabetta. Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino sussultò nel suo grembo. Elisabetta fu colmata di Spirito Santo ed esclamò a gran voce: «Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo! A che cosa devo che la madre del mio Signore venga da me? Ecco, appena il tuo saluto è giunto ai miei orecchi, il bambino ha sussultato di gioia nel mio grembo. E beata colei che ha creduto nell’adempimento di ciò che il Signore le ha detto». Allora Maria disse: «L’anima mia magnifica il Signore e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore, perché ha guardato l’umiltà della sua serva. D’ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata. Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente e Santo è il suo nome; di generazione in generazione la sua misericordia per quelli che lo temono. Ha spiegato la potenza del suo braccio, ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore; ha rovesciato i potenti dai troni, ha innalzato gli umili; ha ricolmato di beni gli affamati, ha rimandato i ricchi a mani vuote. Ha soccorso Israele, suo servo, ricordandosi della sua misericordia, come aveva detto ai nostri padri, per Abramo e la sua discendenza, per sempre». Maria rimase con lei circa tre mesi, poi tornò a casa sua.



COMMENTO ALLE LETTURE DELLA DOMENICA

In questa giornata si celebra con gioia le "grandi cose" che l'Onnipotente ha operato in Maria. E' questo messaggio forte, che ci giunge dal Magnificat, che può costituire ciò che lega i testi della liturgia di oggi. A nessuno come a Maria, fedele ancella del Signore, infatti, può esemplarmente applicarsi sia quanto oggi ci dice l'autore della lettera agli Ebrei "Ecco io vengo per fare la tua volontà" e sia quanto leggiamo dell'Apocalisse: "Una Donna, vestita di sole, con la luna sotto i suoi piedi, e una corona di dodici stelle sul suo capo". A Maria tutto questo risulta applicabile anzitutto in ragione di quel privilegio che Dio le ha concesso di essere sua madre: "Concepirai e darai alla lugc un figlio... Egli sarà Figlio dell'Altissimo".
La liturgia dell'Assunzione di Maria, quindi nel cantare le grandezze che Dio ha fatto nella sua umile serva indica la meta finale verso la quale esse hanno condotto la Vergine, cioè la partecipazione pieno e completa alla Gloria di Dio in Paradiso ove, al termine della sua vita terrena è assunta in anima e corpo. Un destino di gloria che Dio ha riservato anche a noi.

AVVISI SOLENNITA' DELL'ASSUNZIONE AL CIELO DELLA B.V. MARIA

Santa Messa della Vigilia martedì 14 agosto ore 19:00. Mercoledì 15 agosto Sante Messe al mattino alle 08:00 e 10:00.
Alla sera NON si celebrerà nessuna S. Messa in parrocchia, unica celebrazione nella Chiesa Cattedrale dalla quale poi partirà la Processione col Simulacro della B.V. Maria per le via della città.


ORARI ESTIVI

A partire da DOMENICA 1 LUGLIO fino a VENERDI' 31 AGOSTO gli orari in vigore per le Sante Messe saranno i seguenti:

- GIORNI FERIALI: 08:00 - 19:00
- GIORNI FESTIVI: 08:00 - 10:00 - 19:00 **
** Il sabato sera si celebra la S. Messa vespertina della Domenica.


PROGRAMMA FESTA PATRONALE 2018

Il seguente programma sarà distribuito in forma cartacea dalla prossima settimana.

SABATO 18 AGOSTO

  • ore 17:30 Confessioni
    ore 19:00 Santa Messa presieduta da Don Giuseppe Virgilio, Cappellano dell'Università e della Chiesa S. Caterina in Sassari

DOMENICA 19 AGOSTO

  • ore 17:30 Confessioni
    ore 19:00 Santa Messa presieduta da Don Giuseppe Virgilio, Cappellano dell'Università e della Chiesa S. Caterina in Sassari

LUNEDI' 20 AGOSTO

  • Dalle 9:00 Santa Comunione agli ammalati e anziani nelle case
    ore 17:30 Confessioni
    ore 19:00 Santa Messa presieduta da Don Giuseppe Virgilio, Cappellano dell'Università e della Chiesa S. Caterina in Sassari

MARTEDI’ 21 AGOSTO + FESTA DI SAN PIO X +

  • ore 07:30 Santa Messa in collegamento radiofonico con Radio Maria
    Tutta la mattina nella piazza sosterà l’Autoemoteca dell’AVIS per la donazione del sangue
    ore 18:00 Santa Messa solenne presieduta da S.E.R. Mons. Gian Franco Saba, Arcivescovo Metropolita di Sassari, animata dal Coro Parrocchiale.
    ore 19:00 (circa) Processione nel quartiere col seguente itinerario:
    Chiesa - via Era - via Pala di Carru - via Bruno - via Salvo D'Acquisto - Via Camboni - Chiesa

MERCOLEDI’ 22 AGOSTO

  • ore 19:00 Santa Messa in suffragio per i parrocchiani defunti

DA SABATO 18 AGOSTO SARA’ PRESENTE ALL’INGRESSO DELLA CHIESA LA PESCA DI BENEFICENZA PER LE OPERE PARROCCHIALI



AVVISO: CARITAS PARROCCHIALE

Durante il periodo estivo NON SI ACCETTANO IN DONAZIONE INDUMENTI perché per motivi igienici non potranno essere scoccati nelle aule. Non si ferma invece la raccolta e la distribuzione dei generi alimentari.


PELLEGRINAGGIO PARROCCHIALE 2018 E ALTRI

Sono in programma quest'anno un pellegrinaggio a San Giovanni Rotondo dal 21 al 24 settembre ed un viaggio in Brasile dal 5 al 16 novembre. I programmi sono visionabili nella sezione e "Pellegrinaggi".





-XVIIIma DOMENICA TEMPO ORDINARIO

Sassari
06/08/2018



+ XVIII DOMENICA +

«IO SONO IL PANE DELLA VITA; CHI VIENE A ME NON AVRA' FAME E CHI CREDE IN ME NON AVRA' SETE, MAI!»

Giovanni 6,35
    

+ VANGELO SECONDO GIOVANNI (6,24-35)

In quel tempo, quando la folla vide che Gesù non era più là e nemmeno i suoi discepoli, salì sulle barche e si diresse alla volta di Cafàrnao alla ricerca di Gesù. Lo trovarono di là dal mare e gli dissero: «Rabbì, quando sei venuto qua?». Gesù rispose loro: «In verità, in verità io vi dico: voi mi cercate non perché avete visto dei segni, ma perché avete mangiato di quei pani e vi siete saziati. Datevi da fare non per il cibo che non dura, ma per il cibo che rimane per la vita eterna e che il Figlio dell’uomo vi darà. Perché su di lui il Padre, Dio, ha messo il suo sigillo». Gli dissero allora: «Che cosa dobbiamo compiere per fare le opere di Dio?». Gesù rispose loro: «Questa è l’opera di Dio: che crediate in colui che egli ha mandato». Allora gli dissero: «Quale segno tu compi perché vediamo e ti crediamo? Quale opera fai? I nostri padri hanno mangiato la manna nel deserto, come sta scritto: "Diede loro da mangiare un pane dal cielo"». Rispose loro Gesù: «In verità, in verità io vi dico: non è Mosè che vi ha dato il pane dal cielo, ma è il Padre mio che vi dà il pane dal cielo, quello vero. Infatti il pane di Dio è colui che discende dal cielo e dà la vita al mondo». Allora gli dissero: «Signore, dacci sempre questo pane». Gesù rispose loro: «Io sono il pane della vita; chi viene a me non avrà fame e chi crede in me non avrà sete, mai!».



COMMENTO ALLE LETTURE DELLA DOMENICA

In questa domenica e nelle tre che seguiranno, la liturgia, dopo il racconto della moltiplicazione dei pani, ci fa destinatari del discorso di Gesù a Cafarnao sul pane della vita. Alla manna, pane dal cielo che ha alimentato il popolo d’Israele nel deserto, ora Gesù offre il nuovo pane del cielo, quello che non perisce come la manna nel deserto, ma dura per la vita eterna. Gesù mette in guardia i suoi ascoltatori, quelli che hanno mangiato a sazietà del pane spezzato, da una ricerca ambigua e superficiale. Ricorda alle folle che è da cercare un cibo diverso «quello che rimane per la vita eterna e che darà il Figlio dell’uomo». Anziché preoccuparsi per un cibo che perisce e va a male, bisogna cercare e compiere l’opera che non delude, che dà vita. E questa opera è una soltanto: «credere in colui che il Padre ha mandato». Il vero credente è colui che grida al Signore che si proclama pane di vita, pane che è vita, consapevole della sua povertà, della sua indigenza. Oggi siamo noi la folla che segue Gesù e che, consapevole della sua reale indigenza, fa sue le parole degli ascoltatori della sinagoga di Cafarnao: «Signore, dacci sempre questo pane».

CAMBIAMENTO ORARI ESTIVI: DA LUGLIO

A partire da DOMENICA 1 LUGLIO fino a VENERDI' 31 AGOSTO gli orari in vigore per le Sante Messe saranno i seguenti:

- GIORNI FERIALI: 08:00 - 19:00
- GIORNI FESTIVI: 08:00 - 10:00 - 19:00 **
** Il sabato sera si celebra la S. Messa vespertina della Domenica.


PROGRAMMA FESTA PATRONALE 2018

Il seguente programma sarà distribuito in forma cartacea dalla prossima settimana.

SABATO 18 AGOSTO

  • ore 17:30 Confessioni
    ore 19:00 Santa Messa presieduta da Don Giuseppe Virgilio, Cappellano dell'Università e della Chiesa S. Caterina in Sassari

DOMENICA 19 AGOSTO

  • ore 17:30 Confessioni
    ore 19:00 Santa Messa presieduta da Don Giuseppe Virgilio, Cappellano dell'Università e della Chiesa S. Caterina in Sassari

LUNEDI' 20 AGOSTO

  • Dalle 9:00 Santa Comunione agli ammalati e anziani nelle case
    ore 17:30 Confessioni
    ore 19:00 Santa Messa presieduta da Don Giuseppe Virgilio, Cappellano dell'Università e della Chiesa S. Caterina in Sassari

MARTEDI’ 21 AGOSTO + FESTA DI SAN PIO X +

  • ore 07:30 Santa Messa in collegamento radiofonico con Radio Maria
    Tutta la mattina nella piazza sosterà l’Autoemoteca dell’AVIS per la donazione del sangue
    ore 18:00 Santa Messa solenne presieduta da S.E.R. Mons. Gian Franco Saba, Arcivescovo Metropolita di Sassari, animata dal Coro Parrocchiale.
    ore 19:00 (circa) Processione nel quartiere col seguente itinerario:
    Chiesa - via Era - via Pala di Carru - via Bruno - via Salvo D'Acquisto - Via Camboni - Chiesa

MERCOLEDI’ 22 AGOSTO

  • ore 19:00 Santa Messa in suffragio per i parrocchiani defunti

DA SABATO 18 AGOSTO SARA’ PRESENTE ALL’INGRESSO DELLA CHIESA LA PESCA DI BENEFICENZA PER LE OPERE PARROCCHIALI



AVVISO: CARITAS PARROCCHIALE

Durante il periodo estivo NON SI ACCETTANO IN DONAZIONE INDUMENTI perché per motivi igienici non potranno essere scoccati nelle aule. Non si ferma invece la raccolta e la distribuzione dei generi alimentari.


PELLEGRINAGGIO PARROCCHIALE 2018 E ALTRI

Sono in programma quest'anno un pellegrinaggio a San Giovanni Rotondo dal 21 al 24 settembre ed un viaggio in Brasile dal 5 al 16 novembre. I programmi sono visionabili nella sezione e "Pellegrinaggi".





Archivio 2018
Di seguito trovate tutte le notizie divise per mesi.
¤   Gennaio  ¤
¤  Febbraio  ¤
¤    Marzo   ¤
¤   Aprile   ¤
¤   Maggio   ¤
¤   Giugno   ¤
¤   Luglio   ¤
¤   Agosto   ¤
¤  Settembre ¤
¤   Ottobre  ¤
¤  Novembre  ¤
¤  Dicembre  ¤
Archivio 2018
Archivio 2017
Archivio 2016
Archivio 2015
Archivio 2014
Archivio 2013
Archivio 2012
Archivio 2011
Archivio 2010
Archivio 2009
Archivio 2008
Archivio 2007
Archivio 2006
Archivio 2005
© 2005-2018 | Tutti i diritti riservati a www.sanpioxlipunti.it - Sito realizzato con GIMP ed altri software con licenza free.
Per info contattare il webmaster qú. Buona navigazione!

Spazio sottostante riservato ai banner di altri siti di ispirazione cattolica