HOME PARROCCHIA IL SANTO APPUNTAMENTI I PELLEGRINAGGI FOTO ALBUM LA VOCE VIDEO ANNO S. PIO X
NOTIZIE INTENZIONI I GRUPPI PREGHIERE IL CAMPANILE CHENNAI CONTATTI DONAZIONI HELP
.
 Notizie - DICEMBRE 2017

In questa sezione sono elencat tutte le news mensili relative alla parrocchia e al sito.
Dal menù a destra selezioni il mese che vuoi vedere.



-SANTA FAMIGLIA DI GESU', MARIA E GIUSEPPE

Sassari
31/12/2017



DOMENICA 31 DICEMBRE

+ SANTA FAMIGLIA DI GESU', MARIA E GIUSEPPE +

«ECCO, EGLI È QUI PER LA CADUTA E LA RISURREZIONE DI MOLTI IN ISRAELE E COME SEGNO DI CONTRADDIZIONE – E ANCHE A TE UNA SPADA TRAFIGGERÀ L’ANIMA –, AFFINCHÉ SIANO SVELATI I PENSIERI DI MOLTI CUORI»

Luca 2,34-35
    

LUNEDI' 1 GENNAIO 2018

+ SOLENNITA' MARIA SANTISSIMA MADRE DI DIO +

51ma Giornata Mondiale per la Pace

«TUTTI QUELLI CHE UDIVANO SI STUPIRONO DELLE COSE DETTE LORO DAI PASTORI. MARIA, DA PARTE SUA, CUSTODIVA TUTTE QUESTE COSE, MEDITANDOLE NEL SUO CUORE.»

Luca 2,18-19
    

+ VANGELO SECONDO LUCA (Lc 2,16-21)

In quel tempo, [i pastori] andarono, senza indugio, e trovarono Maria e Giuseppe e il bambino, adagiato nella mangiatoia. E dopo averlo visto, riferirono ciò che del bambino era stato detto loro. Tutti quelli che udivano si stupirono delle cose dette loro dai pastori. Maria, da parte sua, custodiva tutte queste cose, meditandole nel suo cuore. I pastori se ne tornarono, glorificando e lodando Dio per tutto quello che avevano udito e visto, com’era stato detto loro. Quando furono compiuti gli otto giorni prescritti per la circoncisione, gli fu messo nome Gesù, come era stato chiamato dall’angelo prima che fosse concepito nel grembo.



COMMENTO ALLE LETTURE DELLA DOMENICA

"Maria, da parte sua, custodiva tutte queste cose, meditandole nel suo cuore", con queste parole l'evangelista Luca annota la reazione di Maria dopo l'annuncio dell'Angelo. Questa frase esprime la semplicità e l'umiltà della Vergine che si pone in attento ascolto della volontà di Dio. Maria inizia a comprenderla per gradi, lasciandosi plasmare dallo Spirito e assecondandone i suoi impulsi. La fede di Maria è cresciuta di pari passo al suo abbandono a quanto lo Spirito le fa intuire. Senza porre limiti o impedimenti. Per questa sua completa capacità di lasciare fluire in Lei la grazia, è diventata il capolavoro della misericordia di Dio. Dal suo "sì" il Signore ha potuto salvare il suo popolo e ha inviato il suo Figlio, "nato da donna, nato sotto la legge", come scrisse l'Apostolo Paolo. Egli solo può portare al mondo quella pace agognata da secoli.
Il dogma di Maria Madre di Dio è stato proclamato nel Concilio di Efeso del 431, dove venne affermata la natura umana e divina dell'unica persona del Verbo in Gesù Cristo e quindi anche la maternità divina di Maria. La solennità di Maria Madre di Dio è la prima festa mariana in occidente.


Tanti Auguri di Buon Anno!!


APPUNTAMENTI

DOMENICA 31 DICEMBRE - FESTA SACRA FAMIGLIA DI NAZARETH
Alle ore 16:30 Liturgia di Fine Anno e Te Deum, e alle 18:00 S. Messa della Solennità Maria Santissima Madre di Dio.

LUNEDI' 1 GENNAIO - SOLENNITA' MARIA SANTISSIMA MADRE DI DIO
Orari S. Messe 8:30 - 10:00 - 18:00.

SABATO 6 GENNAIO - SOLENNITA' DELL'EPIFANIA
Orari S. Messe 8:30 - 10:00 - 18:00. Durante la Celebrazione delle 10:00 arrivo dei Re Magi e al temine nella piazza, arrivo della Befana.

DOMENICA 7 GENNAIO - FESTA DEL BATTESIMO DI GESU'
Orari S. Messe 8:30 - 10:00 - 18:00. Fine del tempo liturgico del Natale.



MIGRANTI E RIFUGIATI: UOMINI E DONNE IN CERCA DI PACE

Per riflettere sui grandi valori universali che uniscono l'umanità, ormai da cinquantuno anni, il 1° gennaio, si celebra la Giornata Mondiale per la Pace. E' un'occasione per riscoprire la pace come dono di Dio e per ribadire un netto no ai conflitti, agli estremismi e alla proliferazione delle armi, perché la guerra non è mai santa.
Tutto il Magistero di Papa Francesco è all'insegna del dialogo e della sensibilizzazione degli uomini di buona volontà per eliminare quando divide, a cominciare dall'odio, dalla violenza, dalla sopraffazione.
I suoi discorsi e i suoi interventi non fanno altro che richiamare dialogo e alla necessità di costruire ponti di pace. Durante il viaggio apostolico in Egitto, del 28-29 aprile 2017, Papa Francesco si rivolse così ai partecipanti alla Conferenza internazionale per la pace, svoltasi ad Il Cairo: "Educare all’apertura rispettosa e al dialogo sincero con l’altro, riconoscendone i diritti e le libertà fondamentali, specialmente quella religiosa, costituisce la via migliore per edificare insieme il futuro, per essere costruttori di civiltà. Perché l’unica alternativa alla civiltà dell’incontro è la inciviltà dello scontro, non ce n'è un'altra".
Anche durante la visita pastorale a Genova (27/5/17), il Pontefice ha ribadito l'importanza fondamentale della preghiera per ottenere da Dio il dono della pace. Ricordando che il ruolo dei cristiani è quello di intercedere per tutta l'umanità, il Papa ha sottolineato come con la "forza mite della preghiera" si possono anche fermare le guerre e ottenere la pace. Perché la pace si costruisce quotidianamente attraverso l'annuncio del Regno di Dio.


AVVISO: GITA PARROCCHIALE

Mercoledì 3 gennaio 2018 si svolgerà la consueta gita di inizio anno solare che avrà come meta Gavoi e dintorni.


PELLEGRINAGGIO PARROCCHIALE 2018

Per il prossimo anno la parrocchia organizza un pellegrinaggio con un tour della Sicilia e l’Isola di Malta dal 1 luglio 2018 al 12 luglio 2018.

Per scaricare il programma dettagliato cliccare qui o visitare la sezione "Pellegrinaggi".




-SOLENNITA' DEL NATALE DEL SIGNORE GESU'

Sassari
25/12/2017



+ NATALE DEL SIGNORE GESU' +

«NON TEMETE: ECCO, VI ANNUNCIO UNA GRANDE GIOIA, CHE SARÀ DI TUTTO IL POPOLO: OGGI, NELLA CITTÀ DI DAVIDE, È NATO PER VOI UN SALVATORE, CHE È CRISTO SIGNORE. QUESTO PER VOI IL SEGNO: TROVERETE UN BAMBINO AVVOLTO IN FASCE, ADAGIATO IN UNA MANGIATOIA»

Luca 2,10-12
    

+ VANGELO SECONDO LUCA (Lc 2,1-14)

In quei giorni un decreto di Cesare Augusto ordinò che si facesse il censimento di tutta la terra. Questo primo censimento fu fatto quando Quirinio era governatore della Siria. Tutti andavano a farsi censire, ciascuno nella propria città. Anche Giuseppe, dalla Galilea, dalla città di Nàzaret, salì in Giudea alla città di Davide chiamata Betlemme: egli apparteneva infatti alla casa e alla famiglia di Davide. Doveva farsi censire insieme a Maria, sua sposa, che era incinta. Mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. Diede alla luce il suo figlio primogenito, lo avvolse in fasce e lo pose in una mangiatoia, perché per loro non c’era posto nell’alloggio. C’erano in quella regione alcuni pastori che, pernottando all’aperto, vegliavano tutta la notte facendo la guardia al loro gregge. Un angelo del Signore si presentò a loro e la gloria del Signore li avvolse di luce. Essi furono presi da grande timore, ma l’angelo disse loro: «Non temete: ecco, vi annuncio una grande gioia, che sarà di tutto il popolo: oggi, nella città di Davide, è nato per voi un Salvatore, che è Cristo Signore. Questo per voi il segno: troverete un bambino avvolto in fasce, adagiato in una mangiatoia». E subito apparve con l’angelo una moltitudine dell’esercito celeste, che lodava Dio e diceva: «Gloria a Dio nel più alto dei cieli e sulla terra pace agli uomini, che egli ama».



COMMENTO ALLE LETTURE DELLA DOMENICA

In questa notte santa riviviamo l’esperienza di Israele, annunciata da Isaia nella prima lettura: «il popolo che camminava nelle tenebre ha visto una grande luce». È la luce della grazia di Dio di cui scrive Paolo, che illumina la via nell’attesa che si compia la «beata speranza». Dobbiamo però saper riconoscere questa luce – ci avverte Luca – in umili segni: un bambino avvolto in fasce e deposto in una mangiatoia. Il Figlio di Dio si incarna così nella storia: il Salvatore viene come un bimbo bisognoso di cure materne. Lì c’è il Regno: ogni volta che sappiamo porre gesti di cura e di tenerezza accogliamo per noi la salvezza di Dio e la testimoniamo ad altri. E la luce dirada le tenebre.


Tanti Auguri di Buon Natale!


APPUNTAMENTI

LUNEDI' 25 DICEMBRE: NATALE DEL SIGNORE GESU'
Orari S. Messe 8:30 - 10:00 - 11:30 - 18:00.

MARTEDI' 26 DICEMBRE - FESTA DI S. STEFANO
Unica S. Messa della giornata celebrata alle ore 8:30.

DOMENICA 31 DICEMBRE - FESTA SACRA FAMIGLIA DI NAZARETH
Alle ore 16:30 Liturgia di Fine Anno e Te Deum, e alle 18:00 S. Messa della Solennità Maria Santissima Madre di Dio.

LUNEDI' 1 GENNAIO - SOLENNITA' MARIA SANTISSIMA MADRE DI DIO
Orari S. Messe 8:30 - 10:00 - 18:00.

SABATO 6 GENNAIO - SOLENNITA' DELL'EPIFANIA
Orari S. Messe 8:30 - 10:00 - 18:00. Durante la Celebrazione delle 10:00 arrivo dei Re Magi e al temine nella piazza, arrivo della Befana.

DOMENICA 7 GENNAIO - FESTA DEL BATTESIMO DI GESU'
Orari S. Messe 8:30 - 10:00 - 18:00. Fine del tempo liturgico del Natale.



AVVISO: GITA PARROCCHIALE

Mercoledì 3 gennaio 2018 si svolgerà la consueta gita di inizio anno solare che avrà come meta Gavoi e dintorni.
Per informazioni iscrizioni rivolgersi al Parroco.


PELLEGRINAGGIO PARROCCHIALE 2018

Per il prossimo anno la parrocchia organizza un pellegrinaggio con un tour della Sicilia e l’Isola di Malta dal 1 luglio 2018 al 12 luglio 2018.

Per scaricare il programma dettagliato cliccare qui o visitare la sezione "Pellegrinaggi".




-QUARTA DOMENICA DI AVVENTO

Sassari
23/12/2017



+ IVa DOMENICA +

«ECCO LA SERVA DEL SIGNORE: AVVENGA PER ME SECONDO LA TUA PAROLA»

Luca 1,38
    

+ VANGELO SECONDO LUCA (Lc 1,26-38)

In quel tempo, l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: «Rallègrati, piena di grazia: il Signore è con te». A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo. L’angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine». Allora Maria disse all’angelo: «Come avverrà questo, poiché non conosco uomo?». Le rispose l’angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell’Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio. Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch’essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: nulla è impossibile a Dio». Allora Maria disse: «Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola». E l’angelo si allontanò da lei.



COMMENTO ALLE LETTURE DELLA DOMENICA

La liturgia della Parola inizia con la profezia messianica più importante di tutto l’Antico Testamento. Riguarda la discendenza (casa) del re Davide, nella quale la Parola si farà carne, come Matteo, all’inizio del suo Vangelo, espliciterà con la sua genealogia. Da parte sua, Luca descrive il momento storico dell’attuazione del mistero dell’Incarnazione, sottolineando che l’angelo Gabriele fu mandato da Dio a una vergine, sposa di un uomo "della casa di Davide". Infatti, è proprio attraverso la presenza qualificata di Giuseppe che il Figlio dell’Altissimo eredita «il trono di Davide suo padre», realizzando il progetto di Dio. L’ingresso di Dio nel mondo – "uno strepitoso mistero" (sant’Ireneo) – si compie nel "silenzio" di un’umile famiglia, abitante di un paese sconosciuto anche dalla Bibbia, Nazaret. Gesù sarà chiamato "il Nazareno". San Paolo conclude la sua lettera ai Romani glorificando Dio per la rivelazione del mistero – «il mistero, cha annuncia Gesù Cristo» –, ora manifestato mediante le scritture dei Profeti e annunciato a tutte le genti.



APPUNTAMENTI

DOMENICA 24 DICEMBRE: VIGILIA DI NATALE
Alle ore 18:00 Novena di Natale e alle 23:30 Veglia e S. Messa Solenne.

LUNEDI' 25 DICEMBRE: NATALE DEL SIGNORE GESU'
Orari S. Messe 8:30 - 10:00 - 11:30 - 18:00.

MARTEDI' 26 DICEMBRE - FESTA DI S. STEFANO
Unica S. Messa della giornata celebrata alle ore 8:30.

DOMENICA 31 DICEMBRE - FESTA SACRA FAMIGLIA DI NAZARETH
Alle ore 16:30 Liturgia di Fine Anno e Te Deum, e alle 18:00 S. Messa della Solennità Maria Santissima Madre di Dio.

LUNEDI' 1 GENNAIO - SOLENNITA' MARIA SANTISSIMA MADRE DI DIO
Orari S. Messe 8:30 - 10:00 - 18:00.

SABATO 6 GENNAIO - SOLENNITA' DELL'EPIFANIA
Orari S. Messe 8:30 - 10:00 - 18:00. Durante la Celebrazione delle 10:00 arrivo dei Re Magi e al temine nella piazza, arrivo della Befana.

DOMENICA 7 GENNAIO - FESTA DEL BATTESIMO DI GESU'
Orari S. Messe 8:30 - 10:00 - 18:00. Fine del tempo liturgico del Natale.



AVVISO: GITA PARROCCHIALE

Mercoledì 3 gennaio 2018 si svolgerà la consueta gita di inizio anno solare che avrà come meta Gavoi e dintorni.
Per informazioni iscrizioni rivolgersi al Parroco.


PELLEGRINAGGIO PARROCCHIALE 2018

Per il prossimo anno la parrocchia organizza un pellegrinaggio con un tour della Sicilia e l’Isola di Malta dal 1 luglio 2018 al 12 luglio 2018.

Per scaricare il programma dettagliato cliccare qui o visitare la sezione "Pellegrinaggi".




-TERZA DOMENICA TEMPO AVVENTO

Sassari
16/12/2017



+ IIIa DOMENICA +

«IO SONO VOCE DI UNO CHE GRIDA NEL DESERTO: RENDETE DRITTA LA VIA DEL SIGNORE, COME DISSE IL PROFETA ISAIA»

Giovanni 1,23
    

+ VANGELO SECONDO GIOVANNI (Gv 1,6-8.19-28)

Venne un uomo mandato da Dio: il suo nome era Giovanni. Egli venne come testimone per dare testimonianza alla luce, perché tutti credessero per mezzo di lui. Non era lui la luce, ma doveva dare testimonianza alla luce. Questa è la testimonianza di Giovanni, quando i Giudei gli inviarono da Gerusalemme sacerdoti e levìti a interrogarlo: «Tu, chi sei?». Egli confessò e non negò. Confessò: «Io non sono il Cristo». Allora gli chiesero: «Chi sei, dunque? Sei tu Elia?». «Non lo sono», disse. «Sei tu il profeta?». «No», rispose. Gli dissero allora: «Chi sei? Perché possiamo dare una risposta a coloro che ci hanno mandato. Che cosa dici di te stesso?». Rispose: «Io sono voce di uno che grida nel deserto: Rendete diritta la via del Signore, come disse il profeta Isaìa». Quelli che erano stati inviati venivano dai farisei. Essi lo interrogarono e gli dissero: «Perché dunque tu battezzi, se non sei il Cristo, né Elia, né il profeta?». Giovanni rispose loro: «Io battezzo nell’acqua. In mezzo a voi sta uno che voi non conoscete, colui che viene dopo di me: a lui io non sono degno di slegare il laccio del sandalo». Questo avvenne in Betània, al di là del Giordano, dove Giovanni stava battezzando.



COMMENTO ALLE LETTURE DELLA DOMENICA

In seguito alla colpa originale, tutta l’umanità ne porta e ne sente le pesanti conseguenze, che la spingono ad alimentare sotto diverse forme il profondo desiderio di un intervento divino che la sollevi dalla sua caduta. L’Antico Testamento ne è un testimone qualificato attraverso i suoi profeti, che mantengono vivo il desiderio e la speranza di tempi migliori. Isaia, in particolare, ne vede già l’attuazione, dichiarando di aver ricevuto «lo spirito del Signore Dio» attraverso una speciale consacrazione "con l’unzione" e la conseguente missione di "portare il lieto annunzio ai miseri", annunzio di libertà e di "grazia". L’evangelista Giovanni proclama la manifestazione salvifica del Verbo e la conferma con la testimonianza diretta del precursore Giovanni, che presenta se stesso come continuatore della missione di Isaia e annuncia solennemente: l’Atteso sta "in mezzo a voi". San Paolo richiede la dovuta attenzione circa "lo Spirito e le profezie", per sempre presenti nella comunità cristiana, che ha tutti i motivi per essere sempre lieta e per rendere grazie in ogni cosa.



LA SETTIMANA CHE CI ACCOMPAGNA AL NATALE

DOMENICA 17 DICEMBRE
Durante la S. Messa delle ore 10:00 ci sarà la benedizione dei Bambinelli dei Presepi.

LUNEDI' 18 DICEMBRE
Confessioni in chiesa dalle ore 9:00-12:00 e 15:30-18:00.

SABATO 23 DICEMBRE
Al mattino Comunione agli ammalati ed anziani nelle case.
Alle 19:30 presentazione del Presepio Vivente.

DOMENICA 24 DICEMBRE: VIGILIA DI NATALE
Alle ore 18:00 Novena di Natale e alle 23:30 Veglia e S. Messa Solenne.

LUNEDI' 25 DICEMBRE: NATALE DEL SIGNORE GESU'
Orari S. Messe 8:30 - 10:00 - 11:30 - 18:00.

MARTEDI' 26 DICEMBRE - FESTA DI S. STEFANO
Unica S. Messa della giornata celebrata alle ore 8:30.

DOMENICA 31 DICEMBRE - FESTA SACRA FAMIGLIA DI NAZARETH
Alle ore 16:30 Liturgia di Fine Anno e Te Deum, e alle 18:00 S. Messa della Solennità Maria Santissima Madre di Dio.

LUNEDI' 1 GENNAIO - SOLENNITA' MARIA SANTISSIMA MADRE DI DIO
Orari S. Messe 8:30 - 10:00 - 18:00.

SABATO 6 GENNAIO - SOLENNITA' DELL'EPIFANIA
Orari S. Messe 8:30 - 10:00 - 18:00. Durante la Celebrazione delle 10:00 arrivo dei Re Magi e al temine nella piazza, arrivo della Befana.

DOMENICA 7 GENNAIO - FESTA DEL BATTESIMO DI GESU'
Orari S. Messe 8:30 - 10:00 - 18:00. Fine del tempo liturgico del Natale.



COME NACQUE IL PRESEPE

Una speciale "connessione" da circa 800 anni unisce Betlemme e Greccio quali luoghi di spiritualità natalizia, amore per la Natività, legame per tutti i presepi che da secoli raccontano il mistero della venuta di Gesù in terra. Un legame che ha preso forma nel cuore e nell’anima di san Francesco d’Assisi, che provava nei confronti di Betlemme, il luogo della nascita di Gesù una specialissima devozione. Dopo l’incontro con Papa Onorio III nell’autunno del 1223 dal quale ebbe l’approvazione della Regola e il permesso di rappresentare la Natività presso il suo eremo di Greccio, Francesco interpellò Giovanni Velita dicendogli: «Voglio celebrare teco la notte di Natale… Voglio vedere almeno una volta, con i miei occhi, la nascita del Divino Infante». E quando arrivò Natale tutto era pronto, con la Grotta ed i personaggi – a partire dalla Madonna, san Giuseppe e il Bambinello, – tutti collocati al loro posto secondo la tradizione evangelica. Accorsero a vedere la scena tutti gli abitanti di Greccio e i Frati, portando in mano torce accese e ceri luminosi. L’ultimo ad arrivare fu Francesco che al cospetto della Grotta si compiacque, soffermandosi a lungo in preghiera con gli occhi pieni di lacrime per la commozione. Greccio da quel primo Natale fu così chiamata la nuova Betlemme.


APPUNTAMENTI DIOCESANI

GIOVANI IN DIALOGO CON L'ARCIVESCOVO
Martedì 19 dicembre secondo i seguenti orari:
Ore 20:30 - 21:15 nella Cattedrale incontro di Ascolto, Meditazione, Riflessione, Preghiera
Ore 21:15 - 22:00 negli spazi ricreativi del Seminario, Conoscenza e Fraternità



AVVISI: TEMPO DI AVVENTO

- Preparare il Presepio in casa e per chi volesse, portare una spesa di viveri da distribuire per le famiglie in difficoltà;
- Sabato 16 dicembre: inizio Novena di Natale, tutti i giorni dopo la S. Messa delle ore 18:00.


AVVISO: GITA PARROCCHIALE

Mercoledì 3 gennaio 2018 si svolgerà la consueta gita di inizio anno solare che avrà come meta Gavoi e dintorni.
Per informazioni iscrizioni rivolgersi al Parroco.


PELLEGRINAGGIO PARROCCHIALE 2018

Per il prossimo anno la parrocchia organizza un pellegrinaggio con un tour della Sicilia e l’Isola di Malta dal 1 luglio 2018 al 12 luglio 2018.

Per scaricare il programma dettagliato cliccare qui o visitare la sezione "Pellegrinaggi".




-SECONDA DOMENICA DI AVVENTO

Sassari
09/12/2017



+ IIa DOMENICA +

«IO VI HO BATTEZZATO CON ACQUA, MA EGLI VI BATTEZZERA' IN SPIRITO SANTO»

Marco 1,8
    

+ VANGELO SECONDO MARCO (Mc 1,1-8)

Inizio del vangelo di Gesù, Cristo, Figlio di Dio. Come sta scritto nel profeta Isaìa: «Ecco, dinanzi a te io mando il mio messaggero: egli preparerà la tua via. Voce di uno che grida nel deserto: Preparate la via del Signore, raddrizzate i suoi sentieri», vi fu Giovanni, che battezzava nel deserto e proclamava un battesimo di conversione per il perdono dei peccati. Accorrevano a lui tutta la regione della Giudea e tutti gli abitanti di Gerusalemme. E si facevano battezzare da lui nel fiume Giordano, confessando i loro peccati. Giovanni era vestito di peli di cammello, con una cintura di pelle attorno ai fianchi, e mangiava cavallette e miele selvatico. E proclamava: «Viene dopo di me colui che è più forte di me: io non sono degno di chinarmi per slegare i lacci dei suoi sandali. Io vi ho battezzato con acqua, ma egli vi battezzerà in Spirito Santo».



COMMENTO ALLE LETTURE DELLA DOMENICA

La celebrazione eucaristica di questa domenica ci offre una prospettiva privilegiata sull’Avvento. San Bernardo di Chiaravalle (XI sec.) parla delle venute del Signore: la prima fu nella debolezza della carne, l’attuale è nella potenza dello Spirito Santo, l’ultima sarà alla fine dei tempi, nella gloria. «Consolate, consolate il mio popolo» è l’annuncio di Dio che desidera abitare in mezzo al suo popolo e condurlo come un pastore il suo gregge. Un "Buon Pastore" che «battezzerà in Spirito Santo», perché è sotto il velo del segno sacramentale dell’acqua che i cristiani, in maniera privilegiata, sono sostenuti nei sentieri del Signore. «Aspettiamo nuovi cieli e una terra nuova», non perché la nostra fede sia una sorta di "oppio dei popoli", al contrario, quand’anche l’impegno per il bene procurasse dolore o morte, sarebbe il travaglio per la vita eterna . Anche oggi il Signore ci dona il suo bene: la dolce attesa del bimbo di Betlemme, il dono dello Spirito Santo che sostiene il cammino nell’immutata speranza della Chiesa, sposa fedele, che attende il suo sposo: «Vieni, Signore Gesù» (Ap 22,20).



APPUNTAMENTI DIOCESANI

GIOVANI IN DIALOGO CON L'ARCIVESCOVO
Martedì 12 e 19 dicembre secondo i seguenti orari:
Ore 20:30 - 21:15 nella Cattedrale incontro di Ascolto, Meditazione, Riflessione, Preghiera
Ore 21:15 - 22:00 negli spazi ricreativi del Seminario, Conoscenza e Fraternità



AVVISI: TEMPO DI AVVENTO

- Preparare il Presepio in casa e per chi volesse, portare una spesa di viveri da distribuire per le famiglie in difficoltà;
- Sabato 16 dicembre: inizio Novena di Natale, tutti i giorni dopo la S. Messa delle ore 18:00.


PELLEGRINAGGIO PARROCCHIALE 2018

Per il prossimo anno la parrocchia organizza un pellegrinaggio con un tour della Sicilia e l’Isola di Malta dal 1 luglio 2018 al 12 luglio 2018.

Per scaricare il programma dettagliato cliccare qui o visitare la sezione "Pellegrinaggi".




-Ia DOMENICA DI AVVENTO

Sassari
03/12/2017



+ Ia DOMENICA +

«FATE ATTENZIONE, VEGLIATE, PERCHE' NON SAPETE QUANDO E' IL MOMENTO»

Marco 13,33
    

+ VANGELO SECONDO MARCO (Mc 13,33-37)

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Fate attenzione, vegliate, perché non sapete quando è il momento. È come un uomo, che è partito dopo aver lasciato la propria casa e dato il potere ai suoi servi, a ciascuno il suo compito, e ha ordinato al portiere di vegliare. Vegliate dunque: voi non sapete quando il padrone di casa ritornerà, se alla sera o a mezzanotte o al canto del gallo o al mattino; fate in modo che, giungendo all’improvviso, non vi trovi addormentati. Quello che dico a voi, lo dico a tutti: vegliate!».



COMMENTO ALLE LETTURE DELLA DOMENICA

All’inizio dell’Avvento, l’apostolo Paolo ci ricorda la condizione del cristiano, che attende la manifestazione del Signore Gesù Cristo; una attesa pervasa dalla coscienza certa di ciò che già possediamo, la comunione con Gesù. Il Vangelo dice l’atteggiamento fondamentale con cui vivere il cammino cristiano, la vigilanza: «Vegliate, perché non sapete quando è il momento». Vigilare è un modo di vivere il presente con le sue circostanze, responsabili di fronte a quanto Gesù ci ha lasciato, dando «a ciascuno il suo compito» e affidando «al portiere di vegliare», l’uno custode per l’altro. Il profeta Isaia ci riporta alla coscienza che il cammino di fede può andare incontro a momenti di scoraggiamento, anche a causa di scelte sbagliate: «come panno immondo sono tutti i nostri atti di giustizia»! Alla tentazione di rifugiarsi in un lamento sterile, fonte di delusione e di scetticismo, fa fronte il grido di Israele: «Tu, Signore, sei nostro padre », con l’invocazione coraggiosa e umile: «se tu squarciassi i cieli e scendessi». In Gesù il Padre ha risposto squarciando i cieli; pieni di speranza attendiamo il compimento: Vieni, Signore Gesù!



PER VIVERE L'AVVENTO: ATTENDIAMO IL SIGNORE CHE VIENE

Il Dio nel quale noi crediamo non è una divinità inaccessibile, che rimane a noi estranea, ma un Padre buono che si è pienamente rivelato a noi attraverso il dono della sua stessa presenza "fisica", "in mezzo a noi", che ha reso concretamente sperimentabile e manifesto assumendo la nostra natura umana in Gesù Cristo suo unico Figlio "della stessa sostanza del Padre" (Cfr Credo Niceno-Costantinopolitano). Egli ha esaudito così un desiderio e una ricerca che da sempre riguarda l’uomo e il suo sentire e fa stare lo stesso uomo in un’attesa feconda e perennemente aperta alla ricerca di quella gioia che può nascere da questo incontro con il suo creatore. Egli è venuto incontro a noi per facilitare questa ricerca, per colmare quest’attesa e per dare un volto a questa speranza: «A tutti sei venuto incontro, perché quelli che ti cercano ti possano trovare» (Preghiera Eucaristica IV). L’Avvento è il ripercorrere di continuo questa esperienza. Attendere il Signore che "verrà" alla fine dei tempi, ma che ha già reso visibile la sua presenza nel grande mistero dell’Incarnazione e che dunque già "è venuto" (come ricorderemo nel Santo Natale), ma che nella Chiesa da Lui voluta e fondata "viene" sempre garantendo la sua Presenza amorevole nella Parola, nei Sacramenti (primo fra tutti l’Eucaristia) e in ognuno dei nostri fratelli nella fede.


APPUNTAMENTI DIOCESANI

GIOVANI IN DIALOGO CON L'ARCIVESCOVO
Martedì 5, 12 e 19 dicembre secondo i seguenti orari:
Ore 20:30 - 21:15 nella Cattedrale incontro di Ascolto, Meditazione, Riflessione, Preghiera
Ore 21:15 - 22:00 negli spazi ricreativi del Seminario, Conoscenza e Fraternità



AVVISI: TEMPO DI AVVENTO

Preparare il Presepio in casa e per chi volesse, portare una spesa di viveri da distribuire per le famiglie in difficoltà.


PELLEGRINAGGIO PARROCCHIALE 2018

Per il prossimo anno la parrocchia organizza un pellegrinaggio con un tour della Sicilia e l’Isola di Malta dal 1 luglio 2018 al 12 luglio 2018.

Per scaricare il programma dettagliato cliccare qui o visitare la sezione "Pellegrinaggi".




Archivio 2017
Di seguito trovate tutte le notizie divise per mesi.
¤   Gennaio  ¤
¤  Febbraio  ¤
¤    Marzo   ¤
¤   Aprile   ¤
¤   Maggio   ¤
¤   Giugno   ¤
¤   Luglio   ¤
¤   Agosto   ¤
¤  Settembre ¤
¤   Ottobre  ¤
¤  Novembre  ¤
¤  Dicembre  ¤
Archivio 2018
Archivio 2017
Archivio 2016
Archivio 2015
Archivio 2014
Archivio 2013
Archivio 2012
Archivio 2011
Archivio 2010
Archivio 2009
Archivio 2008
Archivio 2007
Archivio 2006
Archivio 2005
© 2005-2018 | Tutti i diritti riservati a www.sanpioxlipunti.it - Sito realizzato con GIMP ed altri software con licenza free.
Per info contattare il webmaster qú. Buona navigazione!

Spazio sottostante riservato ai banner di altri siti di ispirazione cattolica