HOME PARROCCHIA PATRONO APPUNTAMENTI PELLEGRINAGGI LA VOCE PRIVACY e COOKIES ANNO S. PIO X
NOTIZIE INTENZIONI GRUPPI PREGHIERE IL CAMPANILE CHENNAI CONTATTI HELP
.
 Notizie - MARZO 2016

In questa sezione sono elencat tutte le news mensili relative alla parrocchia e al sito.
Dal men a destra selezioni il mese che vuoi vedere.



-SANTA PASQUA DI RISURREZIONE

Sassari
27/03/2016




+ PASQUA DI RISURREZIONE +

«PERCHE’ CERCATE COLUI CHE E’ VIVO? NON E’ QUI E’ RISORTO»

Luca 24,5-6
    

+ VANGELO SECONDO LUCA (Lc 24,1-12)

Il primo giorno della settimana, al mattino presto [le donne] si recarono al sepolcro, portando con sé gli aromi che avevano preparato. Trovarono che la pietra era stata rimossa dal sepolcro e, entrate, non trovarono il corpo del Signore Gesù. Mentre si domandavano che senso avesse tutto questo, ecco due uomini presentarsi a loro in abito sfolgorante. Le donne, impaurite, tenevano il volto chinato a terra, ma quelli dissero loro: «Perché cercate tra i morti colui che è vivo? Non è qui, è risorto. Ricordatevi come vi parlò quando era ancora in Galilea e diceva: "Bisogna che il Figlio dell'uomo sia consegnato in mano ai peccatori, sia crocifisso e risorga il terzo giorno"». Ed esse si ricordarono delle sue parole e, tornate dal sepolcro, annunciarono tutto questo agli Undici e a tutti gli altri. Erano Maria Maddalena, Giovanna e Maria madre di Giacomo. Anche le altre, che erano con loro, raccontavano queste cose agli apostoli. Quelle parole parvero a loro come un vaneggiamento e non credevano ad esse. Pietro tuttavia si alzò, corse al sepolcro e, chinatosi, vide soltanto i teli. E tornò indietro, pieno di stupore per l'accaduto.

Buona Pasqua!

AVVISO

Lunedì 28 marzo sarà celebrata in parrocchia solo la S. Messa delle ore 08:30.


PELLEGRINAGGI 2016

Nell’Anno Giubilare della Divina Misericordia e nel 40 Anniversario della presenza delle Suore Domenicane della Beata Imelda a Li Punti, la parrocchia si recherà in pellegrinaggio ad aprile a Roma e partecipare in piazza S. Pietro alla S. Messa Solenne presieduta da Sua Santità Papa Francesco nel giorno della Festa della Divina Misericordia; si concluderà il viaggio a Bologna visitando la Casa Provinciale delle nostre suore e i luoghi di San Domenico di Guzman. E’ in programma anche un pellegrinaggio in Messico con visita del Santuario di N.S. di Guadalupe.
I programmi dettagliati sono consultabili cliccando qui.




-SETTIMANA SANTA 2016

Sassari
19/03/2016


+ SETTIMANA SANTA +



Con questa Domenica entriamo nella Settimana Santa, in cui nel rito liturgico rivivremo il mistero della passione, morte e risurrezione del Signore Gesù Cristo. La Celebrazione di oggi ha un duplice valore: come la folla festante, accogliamo Gesù al suo ingresso in Gerusalemme; come discepoli, lo accompagniamo nell'ora della morte. Gesù ha veramente svuotato se stesso e non si è tirato indietro di fronte ai flagellatori, non si è sottratto agli insulti e agli sputi. Questa sconfitta dal punto di vista umano, tuttavia, è segno della sua fiducia incondizionata nel disegno di Dio, che non abbandona chi gli è fedele, ma lo esalta, mostrando così la sua potenza d'amore. Gesù si abbandona al Padre, consegnando a lui il suo spirito e sperimenta così una consolazione interiore, che supera ogni solitudine umana. L'atteggiamento umile e confidente di Gesù possa esserci di esempio nell'affrontare le nostre croci, sapendo di vivere in noi la passione stessa di Cristo, per sperimentare così la dolcezza della Risurrezione.



PROGRAMMA CON GLI APPUNTAMENTI


DOMENICA 20 MARZO: DOMENICA DELLE PALME
ORE 10:00 RADUNO PRESSO LA PIAZZA IN VIA PASELLA (FRONTE BANCA) PER LA BENEDIZIONE DEI RAMI DI PALME E DI ULIVO E PROCESSIONALMENTE RIENTRO IN CHIESA PER LA CELEBRAZIONE DELLA SANTA MESSA SOLENNE

LUNEDI' 21 MARZO: CONFESSIONI ADULTI
DALLE ORE 9 FINO ALLE 12 DI MATTINA. LA SERA DALLE 15:30 FINO ALLE 18:00

MARTEDI' 22 MARZO: CONFESSIONI BAMBINI E RAGAZZI
DALLE ORE 15:30 ALLE 18:00

MERCOLEDI’ 23 MARZO
ORE 17:00 ADORAZIONE EUCARISTICA E CORONCINA ALLA DIVINA MISERICORDIA

GIOVEDI' 24 MARZO: GIOVEDI' SANTO
ORE 10:00 SANTA MESSA CRISMALE IN CATTEDRALE
ORE 18:00 SANTA MESSA IN COENA DOMINI IN CHIESA
ORE 21:00 ADORAZIONE EUCARISTICA

VENERDI' 25 MARZO: VENERDI' SANTO
ORE 08:30 LODI COMUNI E COMUNIONE AGLI AMMALATI ED ANZIANI NELLE CASE
ORE 15:00 AZIONE LITURGICA NELL'ORA DELLA MORTE DI GESU'
ORE 20:00 VIA CRUCIS NELLE VIE DEL QUARTIERE SECONDO IL SEGUENTE ITINERARIO:
CHIESA - VIA CAMBONI - VIA ETTORE MURA - VIA MANCA DI MORES - VIA ONIDA - VIA PASELLA - CHIESA


Dalla Costituzione Apostolica Paenitemini - Paolo PP VI (1966)
DIGIUNO (dai 21 ai 60 anni incominciati):
La legge del digiuno obbliga a fare un unico pasto durante la giornata, ma non proibisce di prendere un po' di cibo al mattino e alla sera, attenendosi, per la quantità e la qualità, alle consuetudini locali approvate.

SABATO 26 MARZO: SABATO SANTO
ORE 22:00 SOLENNE VEGLIA PASQUALE

DOMENICA 27 MARZO: PASQUA DI RESURREZIONE
SANTE MESSE 08:30 - 10:00 - 11:30 - 18:00

LUNEDI' 28 MARZO: PASQUA DELL'ANGELO
ORE 08:30 UNICA SANTA MESSA



SETTE GIORNI PER LA VITA DEL CRISTIANO

La celebrazione dell’ingresso di Gesù in Gerusalemme nella Domenica delle Palme introduce nella settimana santa che ci fa rivivere gli eventi della passione, morte e risurrezione. Lunedì, Martedì e Mercoledì la Chiesa ricorda l’unzione di Betania, l’annuncio del tradimento di Giuda e del rinnegamento di Pietro, la preparazione della cena pasquale. Il Giovedì Santo mattina nelle cattedrali si celebra la messa crismale in cui il vescovo circondato dai sacerdoti, dai diaconi e da una folta rappresentanza della comunità diocesana, consacra il crisma e benedice gli oli dei catecumeni e degli infermi e i sacerdoti rinnovano gli impegni assunti nell’ordinazione. Nelle ore serali si celebra la messa in Coena Domini, Cena del Signore, preludio del triduo pasquale del Signore morto, sepolto e risuscitato. Si legge il Vangelo di Giovanni, dove Gesù lava i piedi dei discepoli, che esprime simbolicamente la sua vita di servizio e di dono. Al quale segue la lavanda dei piedi compiuta dal celebrante. La partecipazione all’Eucaristia richiede l’esigenza di far proprio l’atteggiamento di servizio di Gesù sino al dono della vita. Al termine l’Eucaristia viene portata all’altare della reposizione in vista della comunione dell’indomani. Dinanzi ad esso i fedeli nella notte sostano in adorazione personale e comunitaria. Il Venerdì santo si celebra la Passione del Signore con una grande Liturgia della Parola, l’Adorazione della Croce e la Comunione eucaristica. Il Sabato santo si fa memoria della sepoltura e discesa nel regno dei morti nell’attesa della risurrezione, che viene celebrata nella solenne veglia pasquale, madre di tutte le veglie e nella domenica di risurrezione. Il triduo pasquale risplende al centro dell’anno liturgico e ha in esso la centralità che ha la domenica nella settimana.


ORGANISMO CARITAS: RACCOLTA VIVERI FAMIGLIE BISOGNOSE

L’Organismo Caritas parrocchiale invita a donare dei viveri (NON SOLDI) per le famiglie bisognose che vengono assistite che possono essere recati direttamente in parrocchia.


PELLEGRINAGGI 2016

Nell’Anno Giubilare della Divina Misericordia e nel 40 Anniversario della presenza delle Suore Domenicane della Beata Imelda a Li Punti, la parrocchia si recherà in pellegrinaggio ad aprile a Roma e partecipare in piazza S. Pietro alla S. Messa Solenne presieduta da Sua Santità Papa Francesco nel giorno della Festa della Divina Misericordia; si concluderà il viaggio a Bologna visitando la Casa Provinciale delle nostre suore e i luoghi di San Domenico di Guzman.
I programmi dettagliati sono consultabili cliccando qui.


DOMENICA DELLE PALME: XXXIma GIORNATA MONDIALE DEI GIOVANI

La Giornata dei Giovani viene celebrata in ogni diocesi il 20 marzo 2016, con un occhio rivolto alla Gmg mondiale che si svolgerà a Cracovia, in Polonia, dal 25 al 31 luglio, alla presenza di Papa Francesco. La Giornata della gioventù, nelle intenzioni degli organizzatori, deve essere un itinerario, nel quale vi è un tempo di preparazione, l'appuntamento tanto atteso e il ritorno. La Gmg è, infatti, un cammino che non si conclude mai, perché alla sequela di Cristo e di Maria sua Madre, impariamo a vivere da fratelli e figli dello stesso Padre. Anche l’icona biblica scelta rispecchia il popolo in cammino alla ricerca del vero Volto di Cristo. Nel febbraio 2014 Papa Francesco aveva deciso i temi delle edizioni della Giornata mondiale della gioventù, definendo l'itinerario spirituale di preparazione in tre anni, prima dell’incontro di Cracovia. Per la Gmg del 2016 il tema scelto è: «Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia» (Mt 5,7). Per la Gmg diocesana del 2014 era: «Beati i poveri in spirito, perché di essi è il regno dei cieli» (Mt 5,3), per quella del 2015 era: «Beati i puri di cuore, perché vedranno Dio» (Mt 5,8). Tutti tratti dalle Beatitudini evangeliche.



Il Logo è composto di tre colori: il blu, il rosso e il giallo, che si riferiscono al tema scelto per l'incontro: «Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia». Il segno grafico della GMG Cracovia 2016 è rappresentato dalla forma della Polonia, con una croce inscritta in essa che rappresenta Gesù Cristo, centro dell’incontro. I raggi della Divina Misericordia scaturiscono dalla croce, con gli stessi colori e forme del dipinto «Gesù confido in Te», realizzato su richiesta dello stesso Gesù Cristo a Santa Faustina Kowalska. Cracovia è segnata nella forma della Polonia con un cerchio, che rappresenta anche i giovani.


PELLEGRINAGGIO A SAN PIETRO DI SORRES

Ecco la foto di gruppo del pellegrinaggio a San Pietro di Sorres avvenuto domenica 13 marzo.







-QUINTA DOMENICA DI QUARESIMA

Sassari
12/03/2016




+ Va DOMENICA DI QUARESIMA +

«CHI DI VOI E’ SENZA PECCATO, GETTI PER PRIMO LA PIETRA CONTRO DI LEI»

Luca 8,7
    

+ VANGELO SECONDO LUCA (Lc 8,1-11)

In quel tempo, Gesù si avviò verso il monte degli Ulivi. Ma al mattino si recò di nuovo nel tempio e tutto il popolo andava da lui. Ed egli sedette e si mise a insegnare loro. Allora gli scribi e i farisei gli condussero una donna sorpresa in adulterio, la posero in mezzo e gli dissero: «Maestro, questa donna è stata sorpresa in flagrante adulterio. Ora Mosè, nella Legge, ci ha comandato di lapidare donne come questa. Tu che ne dici?». Dicevano questo per metterlo alla prova e per avere motivo di accusarlo. Ma Gesù si chinò e si mise a scrivere col dito per terra. Tuttavia, poiché insistevano nell’interrogarlo, si alzò e disse loro: «Chi di voi è senza peccato, getti per primo la pietra contro di lei». E, chinatosi di nuovo, scriveva per terra. Quelli, udito ciò, se ne andarono uno per uno, cominciando dai più anziani. Lo lasciarono solo, e la donna era là in mezzo. Allora Gesù si alzò e le disse: «Donna, dove sono? Nessuno ti ha condannata?». Ed ella rispose: «Nessuno, Signore». E Gesù disse: «Neanch’io ti condanno; va’ e d’ora in poi non peccare più».


COMMENTO ALLE LETTURE

Una lettura continua di tutta la Bibbia ci guida nel percorso della storia della salvezza, che procede dall’imperfezione verso la perfezione come allo sviluppo di un corpo. Ogni passaggio è necessario e inevitabile, in continuo superamento, fino a raggiungere la sua perfezione. Su questa linea Isaia paragona i memorabili interventi di Dio, risalenti al tempo dell’Esodo, con i futuri interventi che avrebbero accompagnato il popolo nel suo ritorno dalla deportazione in Babilonia. Il superamento sarebbe stato tale da far dimenticare le cose passate. Gesù si colloca al termine dello sviluppo, quando l’umanità raggiunge in lui la sua perfezione, facendola passare dallo stato "riconosciuto" di peccato a quello della grazia. Davanti alla donna adultera, i suoi accusatori si ritirano dalla scena. La peccatrice viene risanata con una formula che si estende anche al futuro: «D’ora in poi non peccare più». Paolo si serve del linguaggio sportivo per indicare il suo impegno per il Vangelo. La sua vita è una corsa verso la mèta, al premio che è Cristo.

Ascolta l’omelia in formato MP3 presente in fondo alla news o nella sezione "la Voce"

TESTIMONI DELLA DIVINA MISERICORDIA

In una Francia piegata dal regime del terrore nel 1794 sorse in lui la vocazione al sacerdozio. Dopo gli studi teologici e filosofici, nell’agosto 1815 venne ordinato sacerdote a Grenoble all’età di 29 anni. Noto come il Curato d’Ars per la sua intensa attività evangelica come parroco nel piccolo borgo feudale francese Ars-sur Formans, risalente al sec. XI, divenuto poi un villaggio di 230 abitanti, Jean Marie Baptiste Vianney (1786-1859) fu pastore austero e amabile, zelante, stimato confessore, ebbe in vita fama di santità. Nel 1824 aprì una scuola e un orfanotrofio per ragazze, chiamato «Providence». Beatificato da Pio X nel 1905, fu proclamato santo da Papa Pio XI nel 1925 e dichiarato patrono dei parroci.


DOMENICA 13 MARZO: PELLEGRINAGGIO GIUBILARE

Domenica 13 marzo (PARTENZA ORE 14:00 PER GLI ISCRITTI SUI TRE PULLMAN) la parrocchia si recherà in pellegrinaggio alla chiesa giubilare di S. Pietro di Sorres per vivere il pomeriggio nel monastero in preghiera con l’attraversamento della Porta Santa, la Via Crucis e i Vespri celebrati dai padri benedettini.

NOTA: in quella domenica sera non è prevista la celebrazione della S. Messa perciò i fedeli sono invitati a partecipare alle S. Messa prefestiva di sabato 12 (18:00) o della domenica mattina (08:30 - 10:00 - 11:30).


SACRO TEMPO DELLA QUARESIMA

+ TUTTI I VENERDI’ DOPO LA S. MESSA DELLE 18:00: VIA CRUCIS

+ TUTTI I VENERDI’: ASTINENZA DALLE CARNI


Dalla Costituzione Apostolica Paenitemini - Paolo PP VI (1966)

DIGIUNO (dai 21 ai 60 anni incominciati):
La legge del digiuno obbliga a fare un unico pasto durante la giornata, ma non proibisce di prendere un po' di cibo al mattino e alla sera, attenendosi, per la quantità e la qualità, alle consuetudini locali approvate.

ASTINENZA (dai 14 anni in poi):
La legge dell'astinenza proibisce l'uso delle carni, non però l'uso delle uova, dei latticini e di qualsiasi condimento anche di grasso di animale.



ORGANISMO CARITAS: RACCOLTA VIVERI FAMIGLIE BISOGNOSE

L’Organismo Caritas parrocchiale invita a donare dei viveri (NON SOLDI) per le famiglie bisognose che vengono assistite che possono essere recati direttamente in parrocchia.


PELLEGRINAGGI 2016

Nell’Anno Giubilare della Divina Misericordia e nel 40 Anniversario della presenza delle Suore Domenicane della Beata Imelda a Li Punti, la parrocchia si recherà in pellegrinaggio ad aprile a Roma e partecipare in piazza S. Pietro alla S. Messa Solenne presieduta da Sua Santità Papa Francesco nel giorno della Festa della Divina Misericordia; si concluderà il viaggio a Bologna visitando la Casa Provinciale delle nostre suore e i luoghi di San Domenico di Guzman.
I programmi dettagliati sono consultabili cliccando qui.




-QUARTA DOMENICA DI QUARESIMA

Sassari
05/03/2016




+ IVa DOMENICA DI QUARESIMA +

«BISOGNAVA FAR FESTA E RALLEGRARSI, PERCHE’ QUESTO TUO FRATELLO ERA MORTO ED E’ TORNATO IN VITA, ERA PERDUTO ED E’ STATO RITROVATO»

Luca 15,32
    

+ VANGELO SECONDO LUCA (Lc 15,1-3.11-32)

In quel tempo, si avvicinavano a Gesù tutti i pubblicani e i peccatori per ascoltarlo. I farisei e gli scribi mormoravano dicendo: «Costui accoglie i peccatori e mangia con loro». Ed egli disse loro questa parabola: «Un uomo aveva due figli. Il più giovane dei due disse al padre: "Padre, dammi la parte di patrimonio che mi spetta". Ed egli divise tra loro le sue sostanze. Pochi giorni dopo, il figlio più giovane, raccolte tutte le sue cose, partì per un paese lontano e là sperperò il suo patrimonio vivendo in modo dissoluto. Quando ebbe speso tutto, sopraggiunse in quel paese una grande carestia ed egli cominciò a trovarsi nel bisogno. Allora andò a mettersi al servizio di uno degli abitanti di quella regione, che lo mandò nei suoi campi a pascolare i porci. Avrebbe voluto saziarsi con le carrube di cui si nutrivano i porci; ma nessuno gli dava nulla. Allora ritornò in sé e disse: "Quanti salariati di mio padre hanno pane in abbondanza e io qui muoio di fame! Mi alzerò, andrò da mio padre e gli dirò: Padre, ho peccato verso il Cielo e davanti a te; non sono più degno di essere chiamato tuo figlio. Trattami come uno dei tuoi salariati". Si alzò e tornò da suo padre. Quando era ancora lontano, suo padre lo vide, ebbe compassione, gli corse incontro, gli si gettò al collo e lo baciò. Il figlio gli disse: "Padre, ho peccato verso il Cielo e davanti a te; non sono più degno di essere chiamato tuo figlio". Ma il padre disse ai servi: "Presto, portate qui il vestito più bello e fateglielo indossare, mettetegli l’anello al dito e i sandali ai piedi. Prendete il vitello grasso, ammazzatelo, mangiamo e facciamo festa, perché questo mio figlio era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato". E cominciarono a far festa. Il figlio maggiore si trovava nei campi. Al ritorno, quando fu vicino a casa, udì la musica e le danze; chiamò uno dei servi e gli domandò che cosa fosse tutto questo. Quello gli rispose: "Tuo fratello è qui e tuo padre ha fatto ammazzare il vitello grasso, perché lo ha riavuto sano e salvo". Egli si indignò, e non voleva entrare. Suo padre allora uscì a supplicarlo. Ma egli rispose a suo padre: "Ecco, io ti servo da tanti anni e non ho mai disobbedito a un tuo comando, e tu non mi hai mai dato un capretto per far festa con i miei amici. Ma ora che è tornato questo tuo figlio, il quale ha divorato le tue sostanze con le prostitute, per lui hai ammazzato il vitello grasso". Gli rispose il padre: "Figlio, tu sei sempre con me e tutto ciò che è mio è tuo; ma bisognava far festa e rallegrarsi, perché questo tuo fratello era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato"».


COMMENTO ALLE LETTURE

Dopo la lunga schiavitù egiziana, gli Ebrei sono finalmente entrati vittoriosi nella terra promessa, possono cibarsi dei suoi frutti e nella gioia celebrare con la Pasqua la festa della liberazione. È finalmente cancellata l’onta d’Egitto. Il Vangelo si sofferma sul ritorno del figlio, figura dell’umanità, il quale dopo il suo prepotente allontanamento dal Padre e la sconsiderata perdita di tutti gli averi e soprattutto della propria dignità, si riaffaccia confuso alla casa paterna. La scena mette in evidenza la sorprendente accoglienza da parte del Padre, il grande offeso, che manifesta il suo amore attraverso la misericordia, considerata eccessiva dal fratello irreprensibile. Nella parabola è racchiusa tutta la storia della nostra salvezza, dominata dalla misericordia divina che ci fa diventare "giustizia di Dio", liberandoci dalla schiavitù del peccato. San Paolo riassume tutto nella parola "riconciliazione", che viene da Dio mediante Cristo attraverso il ministero della Chiesa. Sorprendente rimane la nostra persistente diffidenza verso Dio, che costringe l’Apostolo a supplicarci di lasciarci riconciliare con Dio!

Ascolta l’omelia in formato MP3 presente in fondo alla news o nella sezione "la Voce"

RECUPERIAMO IL VALORE DELLA PENITENZA

Come si può passare dalla confessione alla conversione? «Tra confessione e conversione c’è un legame molto stretto. Ha spiegato l’arcivescovo Mons. Orazio Soricelli di Amalfi - Cava de’ Tirreni. La confessione è un incontro sacramentale con Cristo, che nel farci riconoscere i nostri peccati, ci risana, ci purifica e ci offre la grazia del perdono. La conversione è un cammino di rinnovamento di vita, che precede la confessione e deve continuare anche dopo. L’amarezza della colpa, il desiderio di una vita santa e la grandezza della misericordia di Dio, ci sospingono nell’itinerario di conversione. La riconciliazione sacramentale ci fa sperimentare la gioia del perdono e ci aiuta a liberarci dal peccato. La confessione non è un atto automatico, che ci immunizza dai riflessi del male. Dobbiamo fare i conti con la nostra fragilità, con "quel guazzabuglio del cuore umano" come soleva dire il Manzoni che ci porta a sbagliare e cadere. Nel nostro cuore albergano contraddizioni: desideriamo il bene, ma ci troviamo a compiere il male. L’autentica conversione opera la rottura con il male ed esprime la buona volontà dell’uomo. I segni di una conversione sono la concretezza, la costanza, la radicalità e l’amore. Nel cammino di conversione è bene non confidare soltanto sulle proprie forze, ma poggiarsi sulla forza che viene da Cristo e lasciarsi toccare dalla sua potenza guaritrice. Un programma di vita pratico, intelligente e realistico, sostenuto dalla preghiera e illuminato dalla Parola di Dio, potrà essere una valida difesa alla nostra debolezza e farci progredire sulla strada della santità».


GIOVEDI’ 10 MARZO: GIUBILEO DOMENICANO

Giovedì 10 marzo si celebrerà in parrocchia il Giubileo Domenicano nell’ottocentesimo anniversario della fondazione dell’Ordine dei Frati Predicatori avvenuto tramite la promulgazione delle Bolle da parte di Papa Onorio III otto secoli fa, che nel 1216 e nel 1217 confermarono la fondazione dell’Ordine. Inoltre nel 2016 ricorre anche il quarantesimo anniversario della presenza a Li Punti delle Suore Domenicane della Beata Imelda Lambertini, presenti in parrocchia stabilmente dal 26 giugno 1976.
- ORE 17:00 ADORAZIONE EUCARISTICA IN CHIESA;
- ORE 18:00 S. MESSA;
- ORE 18:30 CONFERENZA TENUTA DAL PADRE DOMENICANO CHRISTIAN STEINER


DOMENICA 13 MARZO: PELLEGRINAGGIO GIUBILARE

Domenica 13 marzo (PARTENZA ORE 14:00 PER GLI ISCRITTI SUI TRE PULLMAN) la parrocchia si recherà in pellegrinaggio alla chiesa giubilare di S. Pietro di Sorres per vivere il pomeriggio nel monastero in preghiera con l’attraversamento della Porta Santa, la Via Crucis e i Vespri celebrati dai padri benedettini.

NOTA: in quella domenica sera non è prevista la celebrazione della S. Messa perciò i fedeli sono invitati a partecipare alle S. Messa prefestiva di sabato 12 (18:00) o della domenica mattina (08:30 - 10:00 - 11:30).


SACRO TEMPO DELLA QUARESIMA

+ TUTTI I VENERDI’ DOPO LA S. MESSA DELLE 18:00: VIA CRUCIS

+ TUTTI I VENERDI’: ASTINENZA DALLE CARNI


Dalla Costituzione Apostolica Paenitemini - Paolo PP VI (1966)

DIGIUNO (dai 21 ai 60 anni incominciati):
La legge del digiuno obbliga a fare un unico pasto durante la giornata, ma non proibisce di prendere un po' di cibo al mattino e alla sera, attenendosi, per la quantità e la qualità, alle consuetudini locali approvate.

ASTINENZA (dai 14 anni in poi):
La legge dell'astinenza proibisce l'uso delle carni, non però l'uso delle uova, dei latticini e di qualsiasi condimento anche di grasso di animale.



ORGANISMO CARITAS: RACCOLTA VIVERI FAMIGLIE BISOGNOSE

L’Organismo Caritas parrocchiale invita a donare dei viveri (NON SOLDI) per le famiglie bisognose che vengono assistite che possono essere recati direttamente in parrocchia.


PELLEGRINAGGI 2016

Nell’Anno Giubilare della Divina Misericordia e nel 40 Anniversario della presenza delle Suore Domenicane della Beata Imelda a Li Punti, la parrocchia si recherà in pellegrinaggio ad aprile a Roma e partecipare in piazza S. Pietro alla S. Messa Solenne presieduta da Sua Santità Papa Francesco nel giorno della Festa della Divina Misericordia; si concluderà il viaggio a Bologna visitando la Casa Provinciale delle nostre suore e i luoghi di San Domenico di Guzman.
I programmi dettagliati sono consultabili cliccando qui.




Archivio 2016
Di seguito trovate tutte le notizie divise per mesi.
?   Gennaio  ?
?  Febbraio  ?
?    Marzo   ?
?   Aprile   ?
?   Maggio   ?
?   Giugno   ?
?   Luglio   ?
?   Agosto   ?
?  Settembre ?
?   Ottobre  ?
?  Novembre  ?
?  Dicembre  ?
Archivio 2024
Archivio 2023
Archivio 2022
Archivio 2021
Archivio 2020
Archivio 2019
Archivio 2018
Archivio 2017
Archivio 2016
Archivio 2015
Archivio 2014
Archivio 2013
Archivio 2012
Archivio 2011
Archivio 2010
Archivio 2009
Archivio 2008
Archivio 2007
Archivio 2006
Archivio 2005
2005-2021 | Tutti i diritti riservati a www.sanpioxlipunti.it - Sito realizzato con GIMP ed altri software con licenza free.
Per info contattare il webmaster qu. Buona navigazione!

Spazio sottostante riservato ai banner di altri siti di ispirazione cattolica