HOME PARROCCHIA IL SANTO APPUNTAMENTI I PELLEGRINAGGI FOTO ALBUM LA VOCE VIDEO ANNO S. PIO X
NOTIZIE INTENZIONI I GRUPPI PREGHIERE IL CAMPANILE CHENNAI CONTATTI DONAZIONI HELP
.
 Notizie - GIUGNO 2015

In questa sezione sono elencat tutte le news mensili relative alla parrocchia e al sito.
Dal men a destra selezioni il mese che vuoi vedere.



-TREDICESIMA DOMENICA TEMPO ORDINARIO

Sassari
27/06/2015




+ XIIIma DOMENICA +

«NON TEMERE, SOLTANTO ABBI FEDE!»

Marco 5,36
    

+ VANGELO SECONDO MARCO (Mc 5,21-43)

In quel tempo, essendo Gesù passato di nuovo in barca all’altra riva, gli si radunò attorno molta folla ed egli stava lungo il mare. E venne uno dei capi della sinagoga, di nome Giàiro, il quale, come lo vide, gli si gettò ai piedi e lo supplicò con insistenza: «La mia figlioletta sta morendo: vieni a imporle le mani, perché sia salvata e viva». Andò con lui. Molta folla lo seguiva e gli si stringeva intorno. Ora una donna, che aveva perdite di sangue da dodici anni e aveva molto sofferto per opera di molti medici, spendendo tutti i suoi averi senza alcun vantaggio, anzi piuttosto peggiorando, udito parlare di Gesù, venne tra la folla e da dietro toccò il suo mantello. Diceva infatti: «Se riuscirò anche solo a toccare le sue vesti, sarò salvata». E subito le si fermò il flusso di sangue e sentì nel suo corpo che era guarita dal male. E subito Gesù, essendosi reso conto della forza che era uscita da lui, si voltò alla folla dicendo: «Chi ha toccato le mie vesti?». I suoi discepoli gli dissero: «Tu vedi la folla che si stringe intorno a te e dici: "Chi mi ha toccato?"». Egli guardava attorno, per vedere colei che aveva fatto questo. E la donna, impaurita e tremante, sapendo ciò che le era accaduto, venne, gli si gettò davanti e gli disse tutta la verità. Ed egli le disse: «Figlia, la tua fede ti ha salvata. Va’ in pace e sii guarita dal tuo male». Stava ancora parlando, quando dalla casa del capo della sinagoga vennero a dire: «Tua figlia è morta. Perché disturbi ancora il Maestro?». Ma Gesù, udito quanto dicevano, disse al capo della sinagoga: «Non temere, soltanto abbi fede!». E non permise a nessuno di seguirlo, fuorché a Pietro, Giacomo e Giovanni, fratello di Giacomo. Giunsero alla casa del capo della sinagoga ed egli vide trambusto e gente che piangeva e urlava forte. Entrato, disse loro: «Perché vi agitate e piangete? La bambina non è morta, ma dorme». E lo deridevano. Ma egli, cacciati tutti fuori, prese con sé il padre e la madre della bambina e quelli che erano con lui ed entrò dove era la bambina. Prese la mano della bambina e le disse: «Talità kum», che significa: «Fanciulla, io ti dico: àlzati!». E subito la fanciulla si alzò e camminava; aveva infatti dodici anni. Essi furono presi da grande stupore. E raccomandò loro con insistenza che nessuno venisse a saperlo e disse di darle da mangiare.


COMMENTO ALLE LETTURE

L’evangelista Marco oggi ci descrive due miracoli. Intende presentarci diversi livelli della fede: quella imperfetta, come quella della donna che vuole toccare il mantello di Gesù per essere guarita; quella disperata, come quella di Giairo, ad una fede più vera. La donna malata che si prostra davanti a Gesù, riconosce la sua onnipotenza divina. Ed è a questo punto che Gesù le dice: «Figlia, la tua fede ti ha salvata!». Nella disperazione più completa, Giairo è sicuro che Gesù potrà intervenire a favore della sua figlioletta, ormai agli estremi. Di fronte alla sua fede che si abbandona pienamente scatta il miracolo: il Signore compie ciò che a noi è impossibile: ridona la vita che salva per l’eternità. La I Lettura dichiara che Dio non gode per la morte dei viventi: egli ha creato tutto per l’esistenza. Allora il diavolo va tenuto a distanza perché nemico della vita. San Paolo delinea il profilo operativo della fede: ai Corinti, animati dalla fede e dalla carità, chiede di condividere «per il momento» i loro beni con i fratelli in necessità, in attesa che essi possano provvedere a se stessi.

MESE DI GIUGNO: RECITA CORONCINA AL SACRO CUORE DI GESU’

Per tutto il mese di giugno dopo la recita del S. Rosario delle ore 17:30 e prima della celebrazione della S. Messa si pregerà la Coroncina al Sacro Cuore di Gesù.


LUNEDI’ 29 GIUGNO: PARTENZA PELLEGRINAGGIO

Al mattino i pellegrini partiranno dal piazzale antistante la chiesa parrocchiale per il Pellegrinaggio 2015 in Terrasanta e Giordania che durerà fino al 7 luglio.


DA LUNED’ 29 GIUGNO CAMBIANO GLI ORARI DELLE SS. MESSE

Da lunedì 29 giugno cambieranno gli orari delle SS. Messe che rimarranno in vigore tutta l’estate fino al 31 di agosto. I nuovi orari saranno i seguenti:

- GIORNI FERIALI: 08:00 - 19:00
- GIORNI FESTIVI: 08:00 - 10:00 - 19:00


NON PORTARE PIU’ INDUMENTI PER LA CARITAS

Durante tutto il periodo estivo si prega di non portare indumenti per l’Organismo Caritas perché per motivi igienici non possono essere accatastati nei locali. Prosegue invece sempre la raccolta di viveri che continueranno ad essere distribuiti alle famiglie assistite.




-DODICESIMA DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

Sassari
20/06/2015




+ XIIma DOMENICA +

«PERCHE’ AVETE PAURA? NON AVETE ANCORA FEDE?»

Marco 4,41
    

+ VANGELO SECONDO MARCO (Mc 4,35-41)

In quel giorno, venuta la sera, Gesù disse ai suoi discepoli: «Passiamo all’altra riva». E, congedata la folla, lo presero con sé, così com’era, nella barca. C’erano anche altre barche con lui. Ci fu una grande tempesta di vento e le onde si rovesciavano nella barca, tanto che ormai era piena. Egli se ne stava a poppa, sul cuscino, e dormiva. Allora lo svegliarono e gli dissero: «Maestro, non t’importa che siamo perduti?». Si destò, minacciò il vento e disse al mare: «Taci, calmati!». Il vento cessò e ci fu grande bonaccia. Poi disse loro: «Perché avete paura? Non avete ancora fede?». E furono presi da grande timore e si dicevano l’un l’altro: «Chi è dunque costui, che anche il vento e il mare gli obbediscono?».


COMMENTO ALLE LETTURE

Due domande primeggiano nel Vangelo di oggi: quella di Cristo che chiede: «Non avete ancora fede?» e quella dei discepoli che si domandano chi sia Gesù. Al tramonto della giornata, quando le tenebre, simbolo del male, stanno per avvolgere tutti, Gesù sulla barca con i suoi discepoli passa all’altra riva. Una tempesta li sorprende, mentre Cristo tranquillo dorme a poppa. La paura investe i discepoli che si sentono smarriti di fronte all’apparente indifferenza del Maestro. «Non ti importa che moriamo?», chiedono e in queste parole risuona il nostro interrogativo su dove sia Dio quando soffriamo. Gesù interviene riportando la quiete ed ecco lo stupore degli apostoli; la loro domanda che si apre sul mistero di Cristo dimostra che non hanno ancora capito chi sia Gesù: colui che ha operato un tale prodigio non può che essere divino. La stessa domanda si pone Giobbe su Dio. Il Cristo, che ha esercitato una sorta di esorcismo sulle forze della natura, è il Signore del mondo, il Figlio di Dio. Credere in Cristo comporta vivere una vita nuova secondo la grazia ricevuta.

MESE DI GIUGNO: RECITA CORONCINA AL SACRO CUORE DI GESU’

Per tutto il mese di giugno dopo la recita del S. Rosario delle ore 17:30 e prima della celebrazione della S. Messa si pregerà la Coroncina al Sacro Cuore di Gesù.


MERCOLEDI’ 24 GIUGNO: GITA PARROCCHIALE CATECHISMO

Mercoledì due pullman di bambini frequentanti il Cammino di Fede del Catechismo parteciperanno accompagnati da catechisti alla gita di fine anno ad Orosei nel Marina Beach.
Tutti i partecipanti sono invitati alla riunione in preparazione all’escursione in cui saranno spiegati i vari dettagli. Appuntamento lunedì 22 ore 18:30 nel salone parrocchiale. Partenza dei pullman ore 7:00.


ORGANISMO CARITAS PARROCCHIALE: NON PORTARE INDUMENTI

Per tutto il periodo estivo (fino ad ottobre) non si possono più portare indumenti in parrocchia perché per motivi igienico-sanitari non possono essere accumulati nei locali. Continua invece la raccolta e distribuzione in parrocchia degli alimenti.




-UNDICESIMA DOMENICA TEMPO ORDINARIO

Sassari
13/06/2015




+ XIma DOMENICA TEMPO ORDINARIO +

«A CHE COSA POSSIAMO PARAGONARE IL REGNO DI DIO O CON QUALE PARABOLA POSSIAMO DESCRIVERLO?»

Marco 4,26-34
    

+ VANGELO SECONDO MARCO (Mc 4,26-34)

In quel tempo, Gesù diceva [alla folla]: «Così è il regno di Dio: come un uomo che getta il seme sul terreno; dorma o vegli, di notte o di giorno, il seme germoglia e cresce. Come, egli stesso non lo sa. Il terreno produce spontaneamente prima lo stelo, poi la spiga, poi il chicco pieno nella spiga; e quando il frutto è maturo, subito egli manda la falce, perché è arrivata la mietitura». Diceva: «A che cosa possiamo paragonare il regno di Dio o con quale parabola possiamo descriverlo? È come un granello di senape che, quando viene seminato sul terreno, è il più piccolo di tutti i semi che sono sul terreno; ma, quando viene seminato, cresce e diventa più grande di tutte le piante dell’orto e fa rami così grandi che gli uccelli del cielo possono fare il nido alla sua ombra». Con molte parabole dello stesso genere annunciava loro la Parola, come potevano intendere. Senza parabole non parlava loro ma, in privato, ai suoi discepoli spiegava ogni cosa.


COMMENTO ALLE LETTURE

Gesù corregge le aspettative messianiche dei suoi contemporanei con immagini tratte dalla natura. Nella prima parabola mostra che il Regno di Dio non è frutto della potenza umana, ma è opera di Dio: cresce per virtù propria, come il seme piantato nella terra dall’agricoltore paziente. Nella seconda chiarisce che il suo aspetto è umile, dimesso, quasi impercettibile: all’inizio non ha nulla di altisonante, ma poi cresce, come un grande albero che spunti da un seme piccolo. La lettura profetica di Ezechiele ci offre un anticipo di questo stile di Dio che sa trarre un ramoscello dal grande cedro per trasformarlo in una talea meravigliosa: il profeta vuole così annunciare la restaurazione del Regno dopo la rottura dell’alleanza con Dio. Egli pur castigando il peccato non rinuncia mai alla sua misericordia: ecco perché, così la seconda lettura , possiamo essere sempre pieni di fiducia pur dovendo comparire davanti al tribunale di Dio. Noi siamo come gli uccellini che si rifugiano tra le fronde del grande albero che è Gesù Cristo: apparso piccolo come un seme, ma poi vincitore della morte.

MESE DI GIUGNO: RECITA CORONCINA AL SACRO CUORE DI GESU’

Per tutto il mese di giugno dopo la recita del S. Rosario delle ore 17:30 e prima della celebrazione della S. Messa si pregerà la Coroncina al Sacro Cuore di Gesù.


NON SI CELEBRA PIU’ LA S. MESSA DELLE 11:30

Dal 31 MAGGIO non si celebrerà fino ad OTTOBRE la S. Messa delle ore 11:30. Gli orari domenicali saranno per il prossimo mese di GIUGNO i seguenti: 08:30, 10:00 e 18:00.


ORGANISMO CARITAS PARROCCHIALE: NON PORTARE INDUMENTI

Per tutto il periodo estivo (fino ad ottobre) non si possono più portare indumenti in parrocchia perché per motivi igienico-sanitari non possono essere accumulati nei locali. Continua invece la raccolta e distribuzione in parrocchia degli alimenti.




-SOLENNITA' CORPUS DOMINI

Sassari
07/06/2015




DOMENICA 7 GIUGNO

+ SOLENNITA’ SS. TRINITA’ +

VENERDI’ 12 GIUGNO

+ SOLENNITA’ SACRATISSIMO CUORE DI GESU’ +

«PRENDETE, QUESTO È IL MIO CORPO»

Marco 14,22
    

+ VANGELO SECONDO MARCO (Mc 14,12-16.22-26)

Il primo giorno degli Àzzimi, quando si immolava la Pasqua, i discepoli dissero a Gesù: «Dove vuoi che andiamo a preparare, perché tu possa mangiare la Pasqua?». Allora mandò due dei suoi discepoli, dicendo loro: «Andate in città e vi verrà incontro un uomo con una brocca d’acqua; seguitelo. Là dove entrerà, dite al padrone di casa: "Il Maestro dice: Dov’è la mia stanza, in cui io possa mangiare la Pasqua con i miei discepoli?". Egli vi mostrerà al piano superiore una grande sala, arredata e già pronta; lì preparate la cena per noi». I discepoli andarono e, entrati in città, trovarono come aveva detto loro e prepararono la Pasqua. Mentre mangiavano, prese il pane e recitò la benedizione, lo spezzò e lo diede loro, dicendo: «Prendete, questo è il mio corpo». Poi prese un calice e rese grazie, lo diede loro e ne bevvero tutti. E disse loro: «Questo è il mio sangue dell’alleanza, che è versato per molti. In verità io vi dico che non berrò mai più del frutto della vite fino al giorno in cui lo berrò nuovo, nel regno di Dio». Dopo aver cantato l’inno, uscirono verso il monte degli Ulivi.


COMMENTO ALLE LETTURE

Nella Prima Lettura Mosè sigilla l’alleanza con un sacrificio di comunione: metà del sangue della vittima viene versata sull’altare, segno della presenza di Dio; l’altra metà viene aspersa sul popolo. Nella Bibbia il sangue è la sede della vita. Attraverso il rito Mosè attua il significato dell’alleanza: c’è ora una stessa vita simboleggiata dal sangue che crea comunione tra Dio e il suo popolo. Gesù, nell’Eucaristia, porta a compimento quanto prefigurato nella prima alleanza: ora il sangue non viene solo asperso sull’esteriorità dei nostri corpi; ci viene donato da bere! E non è più il sangue di una vittima animale, ma di Gesù, il Figlio di Dio, che offre in nutrimento anche il suo corpo. Ora viviamo della sua stessa vita. L’alleanza non dipende più solo dalla nostra fedeltà, sempre disobbediente, ma dalla fedeltà stessa di Gesù che vive in noi. Solo in lui, mediatore dell’alleanza nuova, possiamo ricevere l’eredità promessa: la nostra partecipazione, come figli, alla vita stessa di Dio, che ora dimora in noi, grazie al Corpo e al Sangue di Gesù che ci alimentano.

SOLENNITA’ DEL CORPUS DOMINI

Domenica 7 giugno IN NESSUNA CHIESA DELLA CITTA’ DI SASSARI SI CELEBRA LA S. MESSA DELLA SERA perché dopo la S. Messa in Cattedrale delle ore 18:00 ci sarà la Solenne Processione col SS. Sacramento che terminerà in Piazza d’Italia.


VENERDI’ 12 GIUGNO: SOLENNITA’ SACRATISSIMO CUORE DI GESU’

Alle ore 18:00 si celebrerà la S. Messa solenne seguita dalla Processione col SS. Sacramento per le vie del quartiere. Le Famiglie che abitano nelle strade in cui passerà la processione sono state già avvertite per preparare una degna accoglienza.


MESE DI GIUGNO: RECITA CORONCINA AL SACRO CUORE DI GESU’

Per tutto il mese di giugno dopo la recita del S. Rosario delle ore 17:30 e prima della celebrazione della S. Messa si pregerà la Coroncina al Sacro Cuore di Gesù.


NON SI CELEBRA PIU’ LA S. MESSA DELLE 11:30

Dal 31 MAGGIO non si celebrerà fino ad OTTOBRE la S. Messa delle ore 11:30. Gli orari domenicali saranno per il prossimo mese di GIUGNO i seguenti: 08:30, 10:00 e 18:00.


ORGANISMO CARITAS PARROCCHIALE: NON PORTARE INDUMENTI

Per tutto il periodo estivo (fino ad ottobre) non si possono più portare indumenti in parrocchia perché per motivi igienico-sanitari non possono essere accumulati nei locali. Continua invece la raccolta e distribuzione in parrocchia degli alimenti.




Archivio 2015
Di seguito trovate tutte le notizie divise per mesi.
   Gennaio  
  Febbraio  
    Marzo   
   Aprile   
   Maggio   
   Giugno   
   Luglio   
   Agosto   
  Settembre 
   Ottobre  
  Novembre  
  Dicembre  
Archivio 2019
Archivio 2018
Archivio 2017
Archivio 2016
Archivio 2015
Archivio 2014
Archivio 2013
Archivio 2012
Archivio 2011
Archivio 2010
Archivio 2009
Archivio 2008
Archivio 2007
Archivio 2006
Archivio 2005
2005-2018 | Tutti i diritti riservati a www.sanpioxlipunti.it - Sito realizzato con GIMP ed altri software con licenza free.
Per info contattare il webmaster qu. Buona navigazione!

Spazio sottostante riservato ai banner di altri siti di ispirazione cattolica