HOME PARROCCHIA IL SANTO APPUNTAMENTI I PELLEGRINAGGI FOTO ALBUM LA VOCE VIDEO ANNO S. PIO X
NOTIZIE INTENZIONI I GRUPPI PREGHIERE IL CAMPANILE CHENNAI CONTATTI DONAZIONI HELP
.
 Notizie - FEBBRAIO 2015

In questa sezione sono elencat tutte le news mensili relative alla parrocchia e al sito.
Dal men a destra selezioni il mese che vuoi vedere.



-SECONDA DOMENICA DI QUARESIMA

Sassari
28/02/2015




+ IIa DOMENICA DI QUARESIMA +

«QUESTI E’ IL FIGLIO MIO, L’AMATO: ASCOLTATELO!»

Marco 9,7
    

+ VANGELO SECONDO MARCO (9,2-10)

In quel tempo, Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni e li condusse su un alto monte, in disparte, loro soli. Fu trasfigurato davanti a loro e le sue vesti divennero splendenti, bianchissime: nessun lavandaio sulla terra potrebbe renderle così bianche. E apparve loro Elia con Mosè e conversavano con Gesù. Prendendo la parola, Pietro disse a Gesù: «Rabbì, è bello per noi essere qui; facciamo tre capanne, una per te, una per Mosè e una per Elia». Non sapeva infatti che cosa dire, perché erano spaventati. Venne una nube che li coprì con la sua ombra e dalla nube uscì una voce: «Questi è il Figlio mio, l’amato: ascoltatelo!». E improvvisamente, guardandosi attorno, non videro più nessuno, se non Gesù solo, con loro. Mentre scendevano dal monte, ordinò loro di non raccontare ad alcuno ciò che avevano visto, se non dopo che il Figlio dell’uomo fosse risorto dai morti. Ed essi tennero fra loro la cosa, chiedendosi che cosa volesse dire risorgere dai morti.


COMMENTO ALLE LETTURE

Cosa risuonò nel cuore di Abramo di fronte alla richiesta crudele di uccidere il figlio? Noi sappiamo come andò a finire e siamo consapevoli che Dio non voleva uccidere Isacco. La posta in gioco era altissima: Dio doveva accertarsi che il suo patriarca potesse condurre il popolo sulla via della vita. Se Abramo avesse agito secondo i meschini calcoli umani, avrebbe provocato non solo la morte di suo figlio Isacco, ma anche quella del popolo intero. San Paolo annuncia alla comunità di Roma l’immenso amore del Padre che invia il Figlio per la nostra salvezza. Dio stesso, quindi, accetta di farsi vulnerabile attraverso Gesù Cristo, che soffrirà tentazione e morte, restando fedele al suo amore per l’umanità. Per questo possiamo dire con Paolo che Dio è con noi. Noi tutti possiamo portare le vesti splendenti e gloriose del Cristo (Vangelo). Siamo chiamati a indossare la veste bianca, che ci fu consegnata nel giorno del Battesimo, senza macchia, e purificarla nella misericordia divina. Così, una volta liberati dalle catene del peccato, potremo essere luce del mondo.

6-7-8 MARZO: VISITA PASTORALE DELL’ARCIVESCOVO

Nei primi giorni di marzo (6-7-8) l’Arcivescovo di Sassari mons. Paolo Atzei sarà in parrocchia per la Visita Pastorale nella quale incontrerà i gruppi e le associazione e i fedeli tutti oltre che diverse attività sociali, istituzionali e religiose presenti nel territorio di Li Punti. Si tratta della seconda Visita Pastorale di mons. Paolo, la prima avvenne nel 2008.

IL PROGRAMMA


VENERDI’ 6 MARZO
Mattino:
- ORE 09:30 VISITA ALLA SCUOLA MATERNA
- ORE 10:30 VISITA ALL’AIAS
- ORE 11:30 VISITA AL PRESIDIO DEI VIGILI URBANI
Pomeriggio:
- ORE 16:00 VISITA AD ALCUNI AMMALATI
- ORE 18:00 S. MESSA
A SEGUIRE VIA CRUCIS E PRIMA CONFESSIONE DI UN GRUPPO DI BAMBINI DEL II ANNO DEL CATECHISMO

SABATO 7 MARZO
Mattino:
- ORE 09:30 VISITA ALLA SCUOLA MEDIA
- ORE 10:30 VISITA ALLA SCUOLA ELEMENTARE
Pomeriggio:
- ORE 16:00 INCONTRO COI MINISTRANTI
A SEGUIRE INCONTRO COL GRUPPO DEL CANTO
- ORE 18:00 S. MESSA
- ORE 19:00 IN SALONE INCONTRO CON L’IMAM E LA REALTA’ MUSULMANA PRESENTE A SASSARI CON LA MOSCHEA A LI PUNTI

DOMENICA 8 MARZO
Mattino:
- ORE 10:00 S. MESSA A SEGUIRE BREVE FESTA DI BENVENUTO ALL’ARCIVESCOVO CON LA PARTECIPAZIONE DEL GRUPPO DI BALLO SARDO "INNOVIU"



SACRO TEMPO DELLA QUARESIMA

+ TUTTI I VENERDI’: ORE 18:30 VIA CRUCIS

+ TUTTI I VENERDI’: ASTINENZA DALLE CARNI


Dalla Costituzione Apostolica Paenitemini - Paolo PP VI (1966)

DIGIUNO (dai 21 ai 60 anni incominciati):
La legge del digiuno obbliga a fare un unico pasto durante la giornata, ma non proibisce di prendere un po' di cibo al mattino e alla sera, attenendosi, per la quantità e la qualità, alle consuetudini locali approvate.

ASTINENZA (dai 14 anni in poi):
La legge dell'astinenza proibisce l'uso delle carni, non però l'uso delle uova, dei latticini e di qualsiasi condimento anche di grasso di animale.



LA VIA CRUCIS
La "Via Crucis" è un esercizio di pietà, molto amato dai cristiani. Esso ripercorre l’ultimo tratto del cammino fatto da Gesù durante la sua vita terrena, dalla condanna a morte al Calvario fino alla crocifissione, morte e sepoltura. I primi cristiani, e poi numerosi pellegrini, si recavano a Gerusalenme per venerare la via dolorosa di Gesù. Non potendo però recarsi nella Giudea, si introdusse in Occidente l’usanza di commemorare la Passione del Redentore percorrendo un dato cammino e soffermandosi dinanzi alle varie rappresentazioni (14 "stazioni"). Storicamente, la pratica della "Via Crucis" risale al Medio Evo inoltrato. San Bernardo di Chiaravalle (+ 1153), san Francesco d’Assisi (+ 1226) e san Bonaventura da Bagnoregio (+ 1274), prepararono il terreno su cui sarebbe sorto il pio esercizio. Nella sua forma attuale è attestata nella prima metà del secolo XVII in Spagna, soprattutto in ambienti francescani, successivamente in Italia. Qui incontrò un convinto ed efficace propagatore in san Leonardo da Porto Maurizio (+ 1751), frate minore: egli eresse oltre 572 "Via Crucis", delle quali è rimasta famosa quella eretta nel Colosseo, su richiesta di papa Benedetto XIV, il 27 dicembre 1750. Partecipando alla "Via Crucis", ogni cristiano si unisce alla Passione di Cristo e, restando sotto la sua Croce come la Madre e il Discepolo, accoglie le ultime parole di Gesù e il dono della sua vita per la salvezza del mondo.



LETTURE PER LA QUARESIMA

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE FRASCESCO
E’ disponibile sul sito della Santa Sede il messaggio per il Sacro tempo di Quaresima di Papa Francesco avente come tema "Rinfrancate i vostri cuori (Gc 5,8)".
>> CLICCA QUI PER ANDARE ALLA PAGINA DEL MESSAGGIO

SUSSIDIO PASTORALE DELLA CEI
E’ disponibile sul sito della Chiesa Cattolica Italiana il sussidio liturgico-pastorale per il Sacro tempo di Quaresima sviluppato dalla Conferenza Episcopale Italiana.
>> CLICCA QUI PER ANDARE ALLA PAGINA DEL SUSSIDIO



6-10 APRILE: PELLEGRINAGGIO MEDJUGORJE

La parrocchia organizza dal 6 al 10 aprile un pellegrinaggio a Medjugorje con voli diretti Alghero-Mostar-Alghero. Le informazioni complete si trovano sul programma scaricabile nella sezione "pellegrinaggi" cliccando qui.




-PRIMA DOMENICA DI QUARESIMA

Sassari
21/02/2015




+ Ia DOMENICA DI QUARESIMA +

«IL TEMPO E’ COMPIUTO E IL REGNO DI DIO E’ VICINO; CONVERTITEVI E CREDETE AL VANGELO»

Marco 1,15
    

+ VANGELO SECONDO MARCO (1,12-15)

In quel tempo, lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni, tentato da Satana. Stava con le bestie selvatiche e gli angeli lo servivano. Dopo che Giovanni fu arrestato, Gesù andò nella Galilea, proclamando il vangelo di Dio, e diceva: «Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino; convertitevi e credete nel Vangelo».


COMMENTO ALLE LETTURE

La Quaresima manifesta il desiderio del Signore di entrare di nuovo e continuamente in comunione con noi. Egli ci dà la possibilità di ripartire, di fare chiarezza sulle nostre decisioni personali e sulle scelte della nostra società. Al tempo di Noè l’umanità era corrotta e Dio diede agli uomini la possibilità di salvarsi salendo sull’arca. L’accoglienza di questa offerta di salvezza fece vivere la nuova umanità in alleanza con Dio e l’arcobaleno ricorderà nei secoli la pace tra cielo e terra. Però questa relazione di amore tra Dio e gli uomini non va bene a Satana e per questo tenta Gesù. Il deserto è il momento decisivo, in cui Gesù sarà chiamato a scegliere lo stile con il quale essere Messia. Il Cristo annuncerà il Regno della vicinanza e della cura di Dio per il suo popolo, che invoca misericordia e amore. Pietro, dovendo spiegare il senso del Battesimo alle prime comunità cristiane, ricorda che il sacramento non ci pulisce all’esterno, ma ci risana interiormente per mezzo della nostra coscienza, che confida nella potente risurrezione di Cristo.

SACRO TEMPO DELLA QUARESIMA

+ TUTTI I VENERDI’: ORE 18:30 VIA CRUCIS

+ TUTTI I VENERDI’: ASTINENZA DALLE CARNI


Dalla Costituzione Apostolica Paenitemini - Paolo PP VI (1966)

DIGIUNO (dai 21 ai 60 anni incominciati):
La legge del digiuno obbliga a fare un unico pasto durante la giornata, ma non proibisce di prendere un po' di cibo al mattino e alla sera, attenendosi, per la quantità e la qualità, alle consuetudini locali approvate.

ASTINENZA (dai 14 anni in poi):
La legge dell'astinenza proibisce l'uso delle carni, non però l'uso delle uova, dei latticini e di qualsiasi condimento anche di grasso di animale.



LETTURE PER LA QUARESIMA

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE FRASCESCO
E’ disponibile sul sito della Santa Sede il messaggio per il Sacro tempo di Quaresima di Papa Francesco avente come tema "Rinfrancate i vostri cuori (Gc 5,8)".
>> CLICCA QUI PER ANDARE ALLA PAGINA DEL MESSAGGIO

SUSSIDIO PASTORALE DELLA CEI
E’ disponibile sul sito della Chiesa Cattolica Italiana il sussidio liturgico-pastorale per il Sacro tempo di Quaresima sviluppato dalla Conferenza Episcopale Italiana.
>> CLICCA QUI PER ANDARE ALLA PAGINA DEL SUSSIDIO



5-6-7-8 MARZO: VISITA PASTORALE DELL’ARCIVESCOVO

Nei primi giorni di marzo (5-6-7-8) l’Arcivescovo di Sassari mons. Paolo Atzei sarà in parrocchia per la Visita Pastorale nella quale incontrerà i gruppi e le associazione e i fedeli tutti oltre che diverse attività sociali, istituzionali e religiose presenti nel territorio di Li Punti. Si tratta della seconda Visita Pastorale di mons. Paolo, la prima avvenne nel 2008.


6-10 APRILE: PELLEGRINAGGIO MEDJUGORJE

La parrocchia organizza dal 6 al 10 aprile un pellegrinaggio a Medjugorje con voli diretti Alghero-Mostar-Alghero. Le informazioni complete si trovano sul programma scaricabile nella sezione "pellegrinaggi" cliccando qui.




-SESTA DOMENICA TEMPO ORDINARIO

Sassari
14/02/2015




+ VIa DOMENICA TEMPO ORDINARIO +

«LO VOGLIO, SII PURIFICATO!»

Marco 1,41
    

+ VANGELO SECONDO MARCO (1,40-45)

In quel tempo, venne da Gesù un lebbroso, che lo supplicava in ginocchio e gli diceva: «Se vuoi, puoi purificarmi!». Ne ebbe compassione, tese la mano, lo toccò e gli disse: «Lo voglio, sii purificato!». E subito la lebbra scomparve da lui ed egli fu purificato. E, ammonendolo severamente, lo cacciò via subito e gli disse: «Guarda di non dire niente a nessuno; va’, invece, a mostrarti al sacerdote e offri per la tua purificazione quello che Mosè ha prescritto, come testimonianza per loro». Ma quello si allontanò e si mise a proclamare e a divulgare il fatto, tanto che Gesù non poteva più entrare pubblicamente in una città, ma rimaneva fuori, in luoghi deserti; e venivano a lui da ogni parte.


COMMENTO ALLE LETTURE

Alle volte, soprattutto ai tempi dell’esperienza terrena di Gesù, alcuni tipi di malattia, come la lebbra, non erano solo sofferenze di tipo fisico, ma avevano una forte ripercussione morale, perché il malato andava incontro all’emarginazione più assoluta dal vissuto sociale. Erano malattie a volte contagiose, ma considerate conseguenza di gravi peccati e, quindi, l’uomo che ne era affetto, doveva essere escluso da qualsiasi tipo di relazione. Gesù, stendendo la mano e toccando un lebbroso, manifesta che Dio non toglie il suo sguardo da nessuno, nemmeno dal più grande peccatore; guarendolo, dimostra che niente è impossibile a Dio, quando trova l’uomo aperto alla sua grazia e al dono della sua misericordia. Ristabilito nella comunione con Dio, per ognuno è possibile ripresentarsi ai fratelli e non essere più di scandalo: sapendosi infatti in pace con Dio, l’uomo recupera forza e coraggio per andare incontro alle situazioni della vita e affrontarle a testa alta, testimoniando che l’amore del Signore cambia davvero l’esistenza.

SACRO TEMPO DELLA QUARESIMA

"Egli mi invocherà e io lo esaudirò; gli darò salvezza e lo sazierò con una lunga vita". Con queste parole del Salmo 90 si apre il tempo quaresimale, pellegrinaggio di tutto il popolo di Dio verso la Pasqua, primavera della Chiesa e dell’universo, tempo favorevole per crescere nella conoscenza e nella sequela di Cristo e per la guarigione dai mali che affliggono l’uomo: pretesa di fare a meno di Dio, egoismo e discordia, sete di ricchezza e di dominio.
Con esso la Chiesa preparandosi alla rinascita dei nuovi figli, rivive il proprio battesimo e si rinnova con la celebrazione della riconciliazione. Si tratta di un pellegrinaggio di quaranta giorni, quanti furono gli anni del cammino del Popolo di Dio nel deserto verso la terra promessa e i giorni del digiuno di Gesù.
La Parola di Dio nelle domeniche ci fa rivivere le grandi tappe della storia della salvezza che preparano la Pasqua di Cristo: il peccato dei progenitori e la promessa di salvezza; il sacrificio di Abramo nostro padre nella fede; l’alleanza del Sinai; l’esilio. la distruzione del tempio e la ricostruzione, la promessa profetica della nuova alleanza.
Nel Vangelo Gesù si presenta com il nuovo Adamo che vince la tentazione del primo Adamo e di ogni uomo, il Figlio amato, seguendo il quale possiamo giungere alla trasfigurazione della nostra vita il vero tempio di Dio, il segno dell’Amore di Dio che vuole salvare il mondo, il seme che morendo diviene fonte di vita. I rimedi proposti sono quelli adoperati da Gesù e consacrati dalla tradizione: l’ascolto della Parola di Dio e la preghiera, la carità operosa, il digiuno e la sobrietà di vita per condividere i propri beni con i poveri.


INIZIA SACRO TEMPO DELLA QUARESIMA

+ MERCOLEDI’ 18 FEBBRAIO: ORE 18:00 S. MESSA CON IMPOSIZIONE DELLE CENERI (DIGIUNO E ASTINENZA DALLE CARNI)

+ TUTTI I VENERDI’: ORE 18:30 VIA CRUCIS

+ TUTTI I VENERDI’: ASTINENZA DALLE CARNI


Dalla Costituzione Apostolica Paenitemini - Paolo PP VI (1966)

DIGIUNO (dai 21 ai 60 anni incominciati):
La legge del digiuno obbliga a fare un unico pasto durante la giornata, ma non proibisce di prendere un po' di cibo al mattino e alla sera, attenendosi, per la quantità e la qualità, alle consuetudini locali approvate.

ASTINENZA (dai 14 anni in poi):
La legge dell'astinenza proibisce l'uso delle carni, non però l'uso delle uova, dei latticini e di qualsiasi condimento anche di grasso di animale.



5-6-7-8 MARZO: VISITA PASTORALE DELL’ARCIVESCOVO

Nei primi giorni di marzo (5-6-7-8) l’Arcivescovo di Sassari mons. Paolo Atzei sarà in parrocchia per la Visita Pastorale nella quale incontrerà i gruppi e le associazione e i fedeli tutti oltre che diverse attività sociali, istituzionali e religiose presenti nel territorio di Li Punti. Si tratta della seconda Visita Pastorale di mons. Paolo, la prima avvenne nel 2008.


6-10 APRILE: PELLEGRINAGGIO MEDJUGORJE

La parrocchia organizza dal 6 al 10 aprile un pellegrinaggio a Medjugorje con voli diretti Alghero-Mostar-Alghero. Le informazioni complete si trovano sul programma scaricabile nella sezione "pellegrinaggi" cliccando qui.




-QUINTA DOMENICA TEMPO ORDINARIO

Sassari
07/02/2015




+ Va DOMENICA TEMPO ORDINARIO +

«TUTTI TI CERCANO!»

Marco 1,37
    

+ VANGELO SECONDO MARCO (1,29-39)

In quel tempo, Gesù, uscito dalla sinagoga, subito andò nella casa di Simone e Andrea, in compagnia di Giacomo e Giovanni. La suocera di Simone era a letto con la febbre e subito gli parlarono di lei. Egli si avvicinò e la fece alzare prendendola per mano; la febbre la lasciò ed ella li serviva. Venuta la sera, dopo il tramonto del sole, gli portavano tutti i malati e gli indemoniati. Tutta la città era riunita davanti alla porta. Guarì molti che erano affetti da varie malattie e scacciò molti demòni; ma non permetteva ai demòni di parlare, perché lo conoscevano. Al mattino presto si alzò quando ancora era buio e, uscito, si ritirò in un luogo deserto, e là pregava. Ma Simone e quelli che erano con lui si misero sulle sue tracce. Lo trovarono e gli dissero: «Tutti ti cercano!». Egli disse loro: «Andiamocene altrove, nei villaggi vicini, perché io predichi anche là; per questo infatti sono venuto!». E andò per tutta la Galilea, predicando nelle loro sinagoghe e scacciando i demòni.


COMMENTO ALLE LETTURE

"Il nostro tempo ha voluto scorgere in Gesù il grande riformatore sociale, che vede le miserie e le sofferenze degli uomini e cerca di alleviarle. E’ vero, ma non è tutto" (Romano Guardini, grande teologo, Verona 1885 - Monaco di Baviera 1968). Infatti, Gesù nel Vangelo odierno si mostra certo come colui che si fa carico delle sofferenze e delle infermità umane e si impegna per alleviarle, ma rifiuta di essere solo un taumaturgo: la sua azione è volta all’incontro dell’uomo con Dio.
Il miracolo, nella sua ottica, ha un significato autentico solo se suscita e promuove la fede di quanti ne fanno esperienza, senza spettacolarizzazione, cui Gesù Cristo si sottrae sempre. Attraverso il recupero della salute, Gesù desidera fare in modo che l’uomo si apra a un rinnovato incontro con Dio e con la sua Parola, che lo spinga a una convinta testimonianza, perché la vita non sia sentita come una delusione, un soffio che passa fra duro lavoro e illusioni mai appagate, ma abbia sempre speranza.

MARTEDI’ 10 FEBBRAIO: 7 ANNIVERSARIO DELLA MORTE DI DON ANTONIO BAZZONI

Il 10 febbraio 2008 vigilia della festa della Madonna di Lourdes, tornava alla casa del Padre don Antonio Bazzoni, parroco fondatore della nostra comunità di Li Punti e che ha poi guidato per ben 37 anni. Quest’anno si tratta del suo 7 anniversario della morte.


MERCOLEDI’ 11 FEBBRAIO: XXIIIma GIORANATA MONDIALE DEL MALATO

FESTA DELL’APPARIZIONE DELLA MADONNA A LOURDES

AL MATTINO:
- ORE 11:00 S. MESSA CON GLI AMMALATI

ALLA SERA:
- ORE 17:00 ADORAZIONE EUCARISTICA
- ORE 18:00 S. MESSA E FIACCOLATA

La sapienza del cuore

Il tema scelta da Papa Francesco per questa giornata mondiale del malato che si celebra nel giorno dell’Apparizione di Lourdes, è tratto da un lungo soliloquio di Giobbe "Io ero gli occhi per il cieco, ero i piedi per lo zoppo (Gb 29,15)", che nel tempo della prova, ricorda le opere di giustizia da lui compiute quando era ricco, felice e onorato. Quante volte, soprattutto quando la malattia si mostra particolarmente aggressiva e prolungata, il ricordo di tempi sereni e pieni di vigore, torna ad affacciarsi alla mente. Talvolta questa memoria diventa occasione di ringraziamento, altre volte di rimpianto e quindi causa di ulteriore sofferenza.
La salute fisica è un dono da custodire con cura ed è sapiente usare le forze per fare della nostra vita un dono agli altri, soprattutto ai più poveri. Non ci pentiremo mai di avere amato il nostro prossimo. Ma anche quando, nel tempo della malattia, le forze vengono meno, la sapienza del cuore, quella che affonda le sua radici nella Parola di Dio, assicura che la vita dell’uomo è pressione e rivestita di inalterabile dignità. E’ questo il momento nel quale, con particolare attenzione, la comunità cristiana è chiamata a stringersi attorno ai malati, camminare con loro, consolarne la solitudine, diventando così strumenti dell’amore effusivo di Dio che ci salva.


6-10 APRILE: PELLEGRINAGGIO MEDJUGORJE

La parrocchia organizza dal 6 al 10 aprile un pellegrinaggio a Medjugorje con voli diretti Alghero-Mostar-Alghero. Le informazioni complete si trovano sul programma scaricabile nella sezione "pellegrinaggi" cliccando qui.




Archivio 2015
Di seguito trovate tutte le notizie divise per mesi.
   Gennaio  
  Febbraio  
    Marzo   
   Aprile   
   Maggio   
   Giugno   
   Luglio   
   Agosto   
  Settembre 
   Ottobre  
  Novembre  
  Dicembre  
Archivio 2019
Archivio 2018
Archivio 2017
Archivio 2016
Archivio 2015
Archivio 2014
Archivio 2013
Archivio 2012
Archivio 2011
Archivio 2010
Archivio 2009
Archivio 2008
Archivio 2007
Archivio 2006
Archivio 2005
2005-2018 | Tutti i diritti riservati a www.sanpioxlipunti.it - Sito realizzato con GIMP ed altri software con licenza free.
Per info contattare il webmaster qu. Buona navigazione!

Spazio sottostante riservato ai banner di altri siti di ispirazione cattolica