HOME PARROCCHIA IL SANTO APPUNTAMENTI I PELLEGRINAGGI FOTO ALBUM LA VOCE VIDEO ANNO S. PIO X
NOTIZIE INTENZIONI I GRUPPI PREGHIERE IL CAMPANILE CHENNAI CONTATTI DONAZIONI HELP
.
 Notizie - DICEMBRE 2011

In questa sezione sono elencat tutte le news mensili relative alla parrocchia e al sito.
Dal men a destra selezioni il mese che vuoi vedere.



-SOLENNITA' DI MARIA MADRE DI DIO

Sassari
31/12/2011


+ SOLENNITA' MARIA SANTISSIMA MADRE DI DIO+

«MARIA, CUSTODIVA TUTTE QUESTE COSE, MEDITANDOLE NEL SUO CUORE»

Luca 2,19
    

+ VANGELO SECONDO LUCA (Lc 2,16-21)

In quel tempo, [i pastori] andarono, senza indugio, e trovarono Maria e Giuseppe e il bambino, adagiato nella mangiatoia. E dopo averlo visto, riferirono ciò che del bambino era stato detto loro. Tutti quelli che udivano si stupirono delle cose dette loro dai pastori. Maria, da parte sua, custodiva tutte queste cose, meditandole nel suo cuore. I pastori se ne tornarono, glorificando e lodando Dio per tutto quello che avevano udito e visto, com’era stato detto loro. Quando furono compiuti gli otto giorni prescritti per la circoncisione, gli fu messo nome Gesù, come era stato chiamato dall’angelo prima che fosse concepito nel grembo.


Commento alle letture

Ha inizio, oggi, un nuovo anno. Come sarà? Che cosa ci riserverà? Sono le domande di sempre. La risposta è nella mente di Dio. Nel segno della fede e della benedizione del Signore siamo comunque disposti, in quanto credenti, ad accogliere con umiltà e gratitudine il tempo e i giorni che vorrà regalarci, partecipando fin d'ora a costruire il nostro avvenire. In che modo? Maria, di cui celebriamo quest'oggi la divina maternità, sarà il modello.

Il libro dei Numeri riporta la formula di benedizione che veniva pronunciata dai sacerdoti sul popolo eletto per attirare la benevolenza di Dio. San Paolo, scrivendo ai Galati, svela il piano di Dio che ha voluto che il suo Figlio nascesse da una donna perché tutti diventassimo suoi figli e vivessimo riconciliati nella libertà e nell'amore. Il Vangelo ci parla dei pastori che vanno a Betlemme e rendono omaggio al divino bambino. Subito dopo, pieni di gioia, annunciano a tutti il lieto evento. Intanto Maria, come sottolinea l'evangelista, medita e prega nel raccoglimento e nel silenzio. Oggi, giornata della pace, ci impegniamo a chiedere a Dio questo dono per l'umanità.

AVVISI

- MARTEDI' 3 GENNAIO 2012: GITA PARROCCHIALE NEL NUORESE (ORE 06:45 RADUNO E PARTENZA)


PELLEGRINAGGIO 2012: RUSSIA CRISTIANA

Il prossimo pellegrinaggio parrocchiale che si terrà nel luglio 2012 e sarà in RUSSIA nelle città di San Pietroburgo e Mosca.
Per i diversi adempimenti burocratici necessari per visitare la Russia, SONO GIA' APERTE LE ISCRIZIONI. Il programma completo è scaricabile nella sezione "PELLEGRINAGGI".




-SANTO NATALE DEL SIGNORE

Sassari
24/12/2011


+ SANTO NATALE DEL SIGNORE +

«GLORIA A DIO NEL PIU' ALTO DEI CIEI E SULLA TERA PACE AGLI UOMINI, CHE EGLI AMA»

Luca 2,14
    

+ VANGELO SECONDO LUCA (Lc 2,1-14)

In quei giorni un decreto di Cesare Augusto ordinò che si facesse il censimento di tutta la terra. Questo primo censimento fu fatto quando Quirinio era governatore della Siria. Tutti andavano a farsi censire, ciascuno nella propria città. Anche Giuseppe, dalla Galilea, dalla città di Nàzaret, salì in Giudea alla città di Davide chiamata Betlemme: egli apparteneva infatti alla casa e alla famiglia di Davide. Doveva farsi censire insieme a Maria, sua sposa, che era incinta. Mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. Diede alla luce il suo figlio primogenito, lo avvolse in fasce e lo pose in una mangiatoia, perché per loro non c’era posto nell’alloggio. C’erano in quella regione alcuni pastori che, pernottando all’aperto, vegliavano tutta la notte facendo la guardia al loro gregge. Un angelo del Signore si presentò a loro e la gloria del Signore li avvolse di luce. Essi furono presi da grande timore, ma l’angelo disse loro: «Non temete: ecco, vi annuncio una grande gioia, che sarà di tutto il popolo: oggi, nella città di Davide, è nato per voi un Salvatore, che è Cristo Signore. Questo per voi il segno: troverete un bambino avvolto in fasce, adagiato in una mangiatoia». E subito apparve con l’angelo una moltitudine dell’esercito celeste, che lodava Dio e diceva: «Gloria a Dio nel più alto dei cieli e sulla terra pace agli uomini, che egli ama».


Commento alle letture

«Oggi il Signore viene a salvarci: domani vedrete la sua gloria». Con queste parole l'antifona di ingresso ci introduce al mistero del Verbo di Dio che nasce per noi. Lui l'Emmanuele, il Dio con noi, diventa uno di noi, affinché noi possiamo diventare simili a Lui. Sul bimbo di Betlemme rifulge una grande luce che pervade ogni uomo di buona volontà, come i pastori che, vigilanti nell'attesa, si lasciano avvolgere dalla gloria del Signore, anime semplici disponibili e aperte ad accogliere la novità di Dio: «Oggi nella città di Davide, è nato per voi un Salvatore, che è Cristo Signore».

AVVISI

- LUNEDI' 26 DICEMBRE S. MESSA SOLO AL MATTINO ORE 8:30
- SABATO 31 DICEMBRE LITURGIA DI FINE ANNO ORE 16:30


PELLEGRINAGGIO 2012: RUSSIA CRISTIANA

Il prossimo pellegrinaggio parrocchiale che si terrà nel luglio 2012 e sarà in RUSSIA nelle città di San Pietroburgo e Mosca.
Per i diversi adempimenti burocratici necessari per visitare la Russia, SONO GIA' APERTE LE ISCRIZIONI. Il programma completo è scaricabile nella sezione "PELLEGRINAGGI".




-QUARTA DOMENICA DI AVVENTO

Sassari
17/12/2011


+ IVa DOMENICA DI AVVENTO +

«LO SPIRITO SANTO SCENDERA' SU DI TE E LA POTENZA DELL'ALTISSIMO TI COPRIRA' CON LA SUA OMBRA»

Luca 1,35
    

+ VANGELO SECONDO LUCA (Lc 1,26-38)

In quel tempo, l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: «Rallègrati, piena di grazia: il Signore è con te». A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo. L’angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine». Allora Maria disse all’angelo: «Come avverrà questo, poiché non conosco uomo?». Le rispose l’angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell’Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio. Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch’essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: nulla è impossibile a Dio». Allora Maria disse: «Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola». E l’angelo si allontanò da lei.


Commento alle letture

«Nulla è impossibile a Dio». Quante volte abbiamo sentito queste parole dell'evangelista Luca. Cosa vogliono dire? Certo, che il Signore è onnipotente e su questo non abbiamo molti dubbi. Ma se mettiamo Dio nella nicchia della sua perfezione e lo lasciamo lì, la nostra vita non viene toccata da questa verità. Se invece riflettiamo su quali conseguenze hanno per noi queste parole, ecco che il discorso cambia. Quando l'Arcangelo Gabriele rivolse quelle parole alla Vergine Maria, lei le accolse con umile obbedienza, permettendo così la realizzazione del disegno di Dio sull'umanità. Ma nella nostra vita, lasciamo agire il Signore in modo che quelle parole producano il loro effetto, o siamo diventati così scettici e indifferenti da non sentire neppure il suono di quella verità?

È una grande responsabilità quella che abbiamo davanti: accogliere l'invito di Dio come fece Maria Vergine, o girarsi dall'altra parte facendo finta di non aver sentito per non interrompere la nostra pigrizia e il nostro quieto vivere. Vogliamo collaborare con Dio o vogliamo che si realizzi la sua volontà senza il nostro coinvolgimento? A Dio nulla è impossibile, ma a noi senza di lui tutto è impossibile.



» ASCOLTA L'OMELIA DELLA IVa DOMENICA DI AVVENTO CLICCANDO QUI «
(On-line dalla domenica mattina)

VENERDI' 16 DICEMBRE: INIZIA LA NOVENA DI NATALE

INIZIA VENERDI' ALLE ORE 18:45 IN CHIESA la Novena di Natale celebrata in lingua italiana. Sul sito è disponibile al seguente link il rito in italiano e latino.


PELLEGRINAGGIO 2012: RUSSIA CRISTIANA

Il prossimo pellegrinaggio parrocchiale che si terrà nel luglio 2012 e sarà in RUSSIA nelle città di San Pietroburgo e Mosca.
Per i diversi adempimenti burocratici necessari per visitare la Russia, SONO GIA' APERTE LE ISCRIZIONI. Il programma completo è scaricabile nella sezione "PELLEGRINAGGI".




-TERZA DOMENICA DI AVVENTO

Sassari
10/12/2011


+ IIIa DOMENICA DI AVVENTO +

«IO SONO VOCE DI UNO CHE GRIDA: RENDETE DRITTA LA VIA DEL SIGNORE»

Giovanni 1,23
    

+ VANGELO SECONDO GIOVANNI (Gv 1,6-8.19-28)

Venne un uomo mandato da Dio: il suo nome era Giovanni. Egli venne come testimone per dare testimonianza alla luce, perché tutti credessero per mezzo di lui. Non era lui la luce, ma doveva dare testimonianza alla luce. Questa è la testimonianza di Giovanni, quando i Giudei gli inviarono da Gerusalemme sacerdoti e levìti a interrogarlo: «Tu, chi sei?». Egli confessò e non negò. Confessò: «Io non sono il Cristo». Allora gli chiesero: «Chi sei, dunque? Sei tu Elia?». «Non lo sono», disse. «Sei tu il profeta?». «No», rispose. Gli dissero allora: «Chi sei? Perché possiamo dare una risposta a coloro che ci hanno mandato. Che cosa dici di te stesso?». Rispose: «Io sono voce di uno che grida nel deserto: Rendete diritta la via del Signore, come disse il profeta Isaìa». Quelli che erano stati inviati venivano dai farisei. Essi lo interrogarono e gli dissero: «Perché dunque tu battezzi, se non sei il Cristo, né Elia, né il profeta?». Giovanni rispose loro: «Io battezzo nell’acqua. In mezzo a voi sta uno che voi non conoscete, colui che viene dopo di me: a lui io non sono degno di slegare il laccio del sandalo». Questo avvenne in Betània, al di là del Giordano, dove Giovanni stava battezzando.


Commento alle letture

Rendete testimonianza alla luce. È la missione di Giovanni Battista secondo l'evangelista Giovanni. Egli è venuto al mondo come testimone, affinché per mezzo suo le genti credessero. In chi? Nel Cristo, in Colui che è la luce alla quale Giovanni dona la sua vita.

Per additare il Salvatore, vera luce, Giovanni si è messo da parte per fare spazio al Signore. In questo modo, Dio ha permesso che collaborasse alla salvezza dell'umanità, affidandogli il compito di annunciare la sua opera. Questo è un monito per noi, perché siamo chiamati a essere testimoni della luce ovunque ci troviamo. Dobbiamo diventare dei nuovi precursori per gridare al mondo che Cristo è l'unica salvezza dell'uomo.



» ASCOLTA L'OMELIA DELLA IIIa DOMENICA DI AVVENTO CLICCANDO QUI «
(On-line dalla domenica mattina)

IL VALORE CRISTIANO DEL PRESEPE E DELL'ALBERO

A Natale oltre a scambiarci dei doni, dobbiamo esser pronti ad accogliere in noi il Figlio di Dio: dono per eccellenza del Padre all'umanità intera. La simbologia natalizia, sia con il presepe che con il tradizionale albero di origine nordica, ci offre un contributo di immagini ed ambientazioni in grado di accompagnarci nella preparazione interiore all'evento gioioso della nascita di Gesù.
Molto suggestiva è la Sacra Rappresentazione della Natività in Piazza San Pietro, dinanzi all'obelisco vaticano, iniziativa lanciata per la prima volta nel 1982 durante il pontificato del beato Giovanni Paolo II, affiancata da un maestoso albero di Natale (abete offerto ogni anno da una regione montana dell'Europa). Il presepe realizzato nelle nostre case, in forme anche molto creative, è essenzialmente la rievocazione del Mistero storico dell'Incarnazione del Verbo. Aspettando il Natale in famiglia, dinanzi al presepe, si può puntare lo sguardo interiore a Betlemme per vivere insieme con gioia, l'attesa di Gesù che viene. L'albero di Natale inserito nel contesto religioso delle festività è segno di pace e di speranza. L'abete sempreverde inoltre, simbolicamente ci riconduce al Figlio dell'uomo, "il Vivente" (Ap 1,18). Gesù è l'autentico "Albero della vita" (Ap 2,7). Egli, rafforza e rinsalda la comunione tra Dio e l'uomo infranta da Adamo ed Eva nell'Eden, per aver mangiato i frutti dell'albero proibito (Cfr Gn 3,6).


VENERDI' 16 DICEMBRE: INIZIA LA NOVENA DI NATALE

INIZIA VENERDI' ALLE ORE 18:45 IN CHIESA la Novena di Natale celebrata in lingua italiana. Sul sito è disponibile al seguente link il rito in italiano e latino.


PELLEGRINAGGIO 2012: RUSSIA CRISTIANA

Il prossimo pellegrinaggio parrocchiale che si terrà nel luglio 2012 e sarà in RUSSIA nelle città di San Pietroburgo e Mosca.
Per i diversi adempimenti burocratici necessari per visitare la Russia, SONO GIA' APERTE LE ISCRIZIONI. Il programma completo è scaricabile nella sezione "PELLEGRINAGGI".




-SECONDA DOMENICA DI AVVENTO

Sassari
02/12/2011


+ IIa DOMENICA DI AVVENTO +

«PREPARATE LA VIA DEL SIGNORE, RADDRIZZATE I SUOI SENTIERI»

Marco 1,3
    

"Immacolata"

8 DICEMBRE SOLENNITA' DELL'IMMACOLATA CONCEZIONE

+ VANGELO SECONDO MARCO (Mc 1,1-8)

Inizio del vangelo di Gesù, Cristo, Figlio di Dio. Come sta scritto nel profeta Isaìa: «Ecco, dinanzi a te io mando il mio messaggero: egli preparerà la tua via. Voce di uno che grida nel deserto: Preparate la via del Signore, raddrizzate i suoi sentieri», vi fu Giovanni, che battezzava nel deserto e proclamava un battesimo di conversione per il perdono dei peccati. Accorrevano a lui tutta la regione della Giudea e tutti gli abitanti di Gerusalemme. E si facevano battezzare da lui nel fiume Giordano, confessando i loro peccati. Giovanni era vestito di peli di cammello, con una cintura di pelle attorno ai fianchi, e mangiava cavallette e miele selvatico. E proclamava: «Viene dopo di me colui che è più forte di me: io non sono degno di chinarmi per slegare i lacci dei suoi sandali. Io vi ho battezzato con acqua, ma egli vi battezzerà in Spirito Santo».


Commento alle letture

L'illuminato dalla solennità della Vergine Immacolata e Tuttasanta, l'avvento diviene il tempo in cui la creatura può ritornare al Creatore, recuperando il coraggio e la speranza, poiché il Signore ora ripercorre con noi la via del deserto per mostrarsi in festa a Betlemme nel prossimo Natale. Il profeta Isaia annuncia che per Israele, popolo in esilio, il tempo della prova è finito, i suoi crimini sono stati espiati... spunta un'èra nuova di liberazione e di consolazione. Anzi il Signore tornerà a camminare con il suo popolo, per guidarlo come fa un pastore con il suo gregge.

Nel Vangelo Giovanni Battista, rifacendosi al profeta Isaia, richiama la confessione delle colpe, l'invito al battesimo di penitenza e annuncia la prossima venuta del Messia che, "più forte" del suo messaggero, sarà in grado di battezzare nello Spirito Santo. Allora appariranno "nuovi cieli e una terra nuova". Ma questo avverrà se ognuno di noi si mette in cammino sulla via del Signore, raddrizzando le vie del cuore e spianando le alture della superbia. Se venendo, il Signore ci troverà "senza macchia", allora nascerà una nuova umanità riconciliata.



» ASCOLTA L'OMELIA DELLA IIa DOMENICA DI AVVENTO CLICCANDO QUI «
(On-line dalla domenica mattina)

8 DICEMBRE - SOLENNITA' DELL'IMMACOLATA CONCEZIONE

La solennità dell'Immacolata è la festa del recupero e della speranza. Infatti la Chiesa oggi ci ricorda che c'è la grazia che preserva la Vergine dal male, ma c'è anche la grazia che redime noi peccatori. L'Immacolata rappresenta la santità originale e integrale dell'uomo creato da Dio per essere santo al suo cospetto. Quindi, più che un'eccezione, ella va vista come un vero recupero, una promessa certa, anzi l'anticipazione della redenzione. Contemplando l'Immacolata Tuttasanta, la creatura può ritornare al suo Creatore. San Paolo sostiene che anche noi siamo chiamati alla gloria della grazia divina. Sant'Agostino dichiara: «Anche tu, o uomo, chiunque tu sia, sei 'caro a Dio', sei uscito dal suo cuore prima che dal grembo di tua madre, sei amato da lui 'come fossi l'unico'». La I Lettura mostra che il serpente tentatore non è riuscito a scalfire la persona della Vergine. Allora, oltre che ribellarci al male, bisogna disporci al volere di Dio. «Piena di grazia» e colei che «ha trovato grazia presso Dio» (Lc 1,28-29), Maria è eletta quale «nuovo fiore della terra» per divenire degna Madre di Dio; ma è altresì la creatura che dichiara: «Eccomi, sono la serva del Signore!».

PREGHIAMO COL VANGELO:
O Signore, fa' che nel contemplare l'Immacolata Concezione di Maria riusciamo a comprendere il significato delle parole "nulla è impossibile a Dio". Abbiamo bisogno di ricordarci sempre più spesso che la tua grazia compie meraviglie in quanti a te si affidano. E' questa la richiesta che umilmente ti facciamo in questo giorno di festa.



PELLEGRINAGGIO 2012: RUSSIA CRISTIANA

Il prossimo pellegrinaggio parrocchiale che si terrà nel luglio 2012 e sarà in RUSSIA nelle città di San Pietroburgo e Mosca.
Per i diversi adempimenti burocratici necessari per visitare la Russia, SONO GIA' APERTE LE ISCRIZIONI. Il programma completo è scaricabile nella sezione "PELLEGRINAGGI".




Archivio 2011
Di seguito trovate tutte le notizie divise per mesi.
   Gennaio  
  Febbraio  
    Marzo   
   Aprile   
   Maggio   
   Giugno   
   Luglio   
   Agosto   
  Settembre 
   Ottobre  
  Novembre  
  Dicembre  
Archivio 2019
Archivio 2018
Archivio 2017
Archivio 2016
Archivio 2015
Archivio 2014
Archivio 2013
Archivio 2012
Archivio 2011
Archivio 2010
Archivio 2009
Archivio 2008
Archivio 2007
Archivio 2006
Archivio 2005
2005-2018 | Tutti i diritti riservati a www.sanpioxlipunti.it - Sito realizzato con GIMP ed altri software con licenza free.
Per info contattare il webmaster qu. Buona navigazione!

Spazio sottostante riservato ai banner di altri siti di ispirazione cattolica