HOME PARROCCHIA IL SANTO APPUNTAMENTI I PELLEGRINAGGI FOTO ALBUM LA VOCE VIDEO ANNO S. PIO X
NOTIZIE INTENZIONI I GRUPPI PREGHIERE IL CAMPANILE CHENNAI CONTATTI DONAZIONI HELP
.
 Notizie - DICEMBRE 2009

In questa sezione sono elencat tutte le news mensili relative alla parrocchia e al sito.
Dal menù a destra selezioni il mese che vuoi vedere.



-  SANTO NATALE 2010

Sassari
25/12/2009


NATALE DEL SIGNORE GESU'





«GLORIA A DIO NEL PIU' ALTO DEI CIELI E SULLA TERRA PACE AGLI UOMINI, CHE EGLI AMA!»

Luca 2,14
    

+ VANGELO SECONDO LUCA (Lc 2,1-14)

In quei giorni un decreto di Cesare Augusto ordinò che si facesse il censimento di tutta la terra. Questo primo censimento fu fatto quando Quirinio era governatore della Siria. Tutti andavano a farsi censire, ciascuno nella propria città. Anche Giuseppe, dalla Galilea, dalla città di Nàzaret, salì in Giudea alla città di Davide chiamata Betlemme: egli apparteneva infatti alla casa e alla famiglia di Davide. Doveva farsi censire insieme a Maria, sua sposa, che era incinta. Mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. Diede alla luce il suo figlio primogenito, lo avvolse in fasce e lo pose in una mangiatoia, perché per loro non c’era posto nell’alloggio. C’erano in quella regione alcuni pastori che, pernottando all’aperto, vegliavano tutta la notte facendo la guardia al loro gregge. Un angelo del Signore si presentò a loro e la gloria del Signore li avvolse di luce. Essi furono presi da grande timore, ma l’angelo disse loro: «Non temete: ecco, vi annuncio una grande gioia, che sarà di tutto il popolo: oggi, nella città di Davide, è nato per voi un Salvatore, che è Cristo Signore. Questo per voi il segno: troverete un bambino avvolto in fasce, adagiato in una mangiatoia». E subito apparve con l’angelo una moltitudine dell’esercito celeste, che lodava Dio e diceva: «Gloria a Dio nel più alto dei cieli e sulla terra pace agli uomini, che egli ama».

B U O N   N A T A L E
F E L I C E   2 0 1 0 ! !


AMMINISTRAZIONE MATRIMONIO E ALTRI SACRAMENTI

Avviso per i FIDANZATI che volessero contrarre Matrimonio Cristiano nel 2010 o ADULTI intenzionati a ricevere la Cresima o altri Sacramenti, si presentino entro gennaio in parrocchia.


APERTE LE ISCRIZIONI AI PELLEGRINAGGI 2010

Sono aperte le iscrizioni ai Pellegrinaggi 2010 che avranno come destinazione TORINO per l'ostensione della Sacra Sindone (in aprile) e Fatima e Santiago de Compostela (in luglio) in occasione del Giubileo Compostelano.
Per scaricare i programmi dettagliati visitare la sezione "pellegrinaggi" dal menù oppure cliccare qui.




-  IVa DOMENICA DI AVVENTO

Sassari
21/12/2009


IVa DOMENICA DI AVVENTO
«ECCO, APPENA IL TUO SALUTO E' GIUNTO A I MIEI ORECCHI, IL BAMBINO HA SUSSULTATO DI GIOIA NEL MIO GREMBO»

Luca 1,44
    

+ VANGELO SECONDO LUCA (Lc 1,39-45)

In quei giorni Maria si alzò e andò in fretta verso la regione montuosa, in una città di Giuda. Entrata nella casa di Zaccarìa, salutò Elisabetta. Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino sussultò nel suo grembo. Elisabetta fu colmata di Spirito Santo ed esclamò a gran voce: «Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo! A che cosa devo che la madre del mio Signore venga da me? Ecco, appena il tuo saluto è giunto ai miei orecchi, il bambino ha sussultato di gioia nel mio grembo. E beata colei che ha creduto nell’adempimento di ciò che il Signore le ha detto».


Colpisce sempre l’espressione che l’evangelista Luca usa parlando di Maria che fa visita ad Elisabetta: si alzò e andò in fretta… Spinta da una forza che non può contenere si trova a una svolta della sua (e della nostra) vita. Lo Spirito non può essere contenuto, neppure dal grembo di Maria. Non può che dilatarsi, espandersi, come un contagio di vita. La visita non è un semplice gesto di cortesia, ma una comunicazione nello Spirito. Elisabetta saluta la cugina come benedetta e beata perché madre del Messia che viene per fare la volontà del Padre (Seconda Lettura - Fil 4,4-7) offrendo un nuovo e definitivo sacrificio. Quel corpo che si prepara a nascere da Maria è il corpo di Dio fatto uomo.

Anch’Egli si alzerà e guiderà il suo popolo (Prima Lettura - Sof 3,14-17) ma per ora la sua grandezza è ancora nascosta in Colei che lo partorirà al mondo. Il Messia nascerà nell’oscuro villaggio di Giudea perché Dio preferisce la strada del nascondimento e del silenzio. La strada dello Spirito che, quando è accolto, diventa portatore di vita e di speranza.

SACRAMENTO DELLA RICONCILIAZIONE

PER GLI ADULTI:
LUNEDI' 21 DICEMBRE dalle ore 09:30 del mattino e dalle ore 15:30 del pomeriggio.

PER I BAMBINI:
MERCOLEDI' 23 DICEMBRE dalle ore 15:30 del pomeriggio.


QUESTUE DELLA IVa DOMENICA DI AVVENTO PER LA PARROCCHIA S. PIO X - L'AQUILA

Le questue delle SS. Messe della IVa Domenica di Avvento sono destinate alla parrocchia gemella di S. Pio X de L'Aquila e saranno portate in Abruzzo direttamente dal parroco dopo Natale in un incontro con la comunità parrocchiale colpita dal terremoto e con la quale si è instaurato un forte legame di solidarietà e vicinanza.


NOVENA DI NATALE

Da MERCOLEDI' 16 DICEMBRE fino alla VIGILIA di NATALE, alle ore 18:45 si celebra la NOVENA DI NATALE, appuntamento fondamentale per prepararci alla venuta del Signore Gesù!
Nella sezione del sito "preghiere" si trova il testo e lo schema della Novena di Natale.




-  IIIa DOMENICA DI AVVENTO

Sassari
12/12/2009


IIIa DOMENICA DI AVVENTO
«IO VI BATTEZZO CON ACQUA; MA VIENE COLUI CHE E' PIU' FORTE DI ME, A CUI NON SONO DEGNO DI SLEGARE I LACCI DEI SANDALI»

Luca 3,16
    

+ VANGELO SECONDO LUCA (Lc 3,10-18)

In quel tempo, le folle interrogavano Giovanni, dicendo: «Che cosa dobbiamo fare?». Rispondeva loro: «Chi ha due tuniche, ne dia a chi non ne ha, e chi ha da mangiare, faccia altrettanto». Vennero anche dei pubblicani a farsi battezzare e gli chiesero: «Maestro, che cosa dobbiamo fare?». Ed egli disse loro: «Non esigete nulla di più di quanto vi è stato fissato». Lo interrogavano anche alcuni soldati: «E noi, che cosa dobbiamo fare?». Rispose loro: «Non maltrattate e non estorcete niente a nessuno; accontentatevi delle vostre paghe». Poiché il popolo era in attesa e tutti, riguardo a Giovanni, si domandavano in cuor loro se non fosse lui il Cristo, Giovanni rispose a tutti dicendo: «Io vi battezzo con acqua; ma viene colui che è più forte di me, a cui non sono degno di slegare i lacci dei sandali. Egli vi battezzerà in Spirito Santo e fuoco. Tiene in mano la pala per pulire la sua aia e per raccogliere il frumento nel suo granaio; ma brucerà la paglia con un fuoco inestinguibile». Con molte altre esortazioni Giovanni evangelizzava il popolo.


Nascosto nel cuore umano c’è un bisogno di salvezza che il profeta Sofonìa mette in luce nella prima lettura. Quelli che interrogano Gesù (Vangelo) chiedendogli che cosa dobbiamo fare, manifestano proprio questo bisogno. La domanda nasce dal desiderio di dare un senso e un orientamento alla vita. Ma è anche una risposta alla rivelazione dell’amore di Dio, cioè della salvezza. E questa salvezza non riguarda solo il futuro celeste ma anche l’oggi della storia: la fede personale, la direzione da dare alla propria esistenza, le scelte, i gesti concreti di carità e di giustizia.

Gesù riconosciuto come Salvatore e accolto dentro le pieghe della vita quotidiana offre, a chi è pronto ad accoglierla, la gioia stessa di Dio. La redenzione, alla quale guardiamo con rinnovata speranza in questo tempo di Avvento, è il dono grande da chiedere con animo umile, consapevoli dei nostri peccati e delle nostre fragilità, ma sempre lieti nel Signore (Seconda Lettura - Fil 1,4-6.8-11), disposti a contemplare l’Incarnazione di Gesù, il Messia atteso, gioia del mondo.



» ASCOLTA L'OMELIA DELLA IIIa DOMENICA DI AVVENTO CLICCANDO QUI «

NOI FACCIAMO IL PRESEPIO

Perché facciamo il Presepio? Non è un rituale come altri legato alla tradizione natalizia, ma il far rivivere in uno scenario tante volte personalizzato con elemnti innovativi, l'evento straordinario e unico della venuta del Salvatore nella storia. Dall'Incarnazione alla Nascita di Gesù vi è l'attesa vigilante del credente che dinanzi alla magiatoia vuota attende con Maria "i giorni del parto".
Il Dio dell'Amore rivela il suo volto di tenerezza entrando con Gesù Bambino anche nella nostra storia. Il Presepio, nella sua consuetudine, diventa: rievocazione, memoria e luogo della comunicazione divina con l'uomo, attraverso il "Verbo" fatto "Carne". Dio ha scelto mediante il Figlio di entrare nel mondo nell'umiltà e povertà, indicando in tal modo una via della salvezza accessibile a tutti nella semplicità del cuore.
Facciamo il Presepio perché nella simbologia natalizia per eccellenza, esprimiamo il desiderio di preparare una dimora interiore all'Emmanuele, Dio-con-noi, che viene. Dalla speranza si passa alla gioia, dall'attesa alla nascita, dall'Avvento al Natale, dalla realizzazione del presepe alla contemplazione del Bambino Gesù.


NOVENA DI NATALE

Da MERCOLEDI' 16 DICEMBRE fino alla VIGILIA di NATALE, alle ore 18:45 si celebra la NOVENA DI NATALE, appuntamento fondamentale per prepararci alla venuta del Signore Gesù!
Nella sezione del sito "preghiere" si trova il testo e lo schema della Novena di Natale.


CENTRI DI ASCOLTO DELLA PAROLA DI DIO

Ecco il calendario dei Centri di Ascolto della Parola di Dio:
- MARTEDI' 15 DICEMBRE ore 19:00

Ecco i luoghi d'incontro:
- Fam. Concas-Usai, via Crovetti 14
- Fam. Lai-Manos, via Ettore Mura 25/a
- Fam. Sedda-Boeddu, via Pinna Parpaglia 21/e
- Fam. Cuccu-Baldino, via Salvo D'Acquisto 6
- Fam. Bassu-Salaris, via Millelire 9
- Fam. Martinez, via Paselle 6
- Fam. Tassi Ines, via Nicolò Piras 13




-  SOLENNITA' DELL'IMMACOLATA CONCEZIONE

Sassari
07/12/2009


SOLENNITA' DELL'IMMACOLATA CONCEZIONE
«ECCO LA SERVA DEL SIGNORE: AVVENGA PER ME SECONDO LA TUA PAROLA»

Luca 1,38
    

+ VANGELO SECONDO LUCA (Lc 1,26-38)

In quel tempo, l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: «Rallègrati, piena di grazia: il Signore è con te». A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo. L’angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine». Allora Maria disse all’angelo: «Come avverrà questo, poiché non conosco uomo?». Le rispose l’angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell’Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio. Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch’essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: nulla è impossibile a Dio». Allora Maria disse: «Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola». E l’angelo si allontanò da lei.


Il prefazio della solennità odierna proclama: «Dio..., Tu hai preservato la Vergine Maria da ogni macchia di peccato originale, perché, piena di grazia, diventasse degna dimora del tuo Figlio». La formula traduce in preghiera il dogma dell’Immacolata Concezione. Nella Prima Lettura (Gn 3,9-15.20), detta "protovangelo", Dio ammonisce Satana: «Io porrò inimicizia fra te e la donna, tra la tua stirpe e la sua stirpe: questa ti schiaccerà la testa» (Gen 3,15).

L’arte cristiana, a partire dal 1500, ha rappresentato Maria Immacolata come colei che, raggiante e coronata di stelle, con un piede schiaccia il serpente e con l’altro si erge sulla falce della luna collocata sopra il globo terrestre. Questa popolare raffigurazione dell’Immacolata è fondata sul Vangelo odierno che così saluta la Vergine: «Rallegrati, piena di grazia: il Signore è con te». E Paolo VI l’8 dicembre 1963 rilevava: l’Immacolata è «una zolla innocente, una fiorita e profumata aiuola, che il Figlio di Dio si riservò nell’immensa palude che è l’umanità». Anche noi siamo chiamati, per benevolenza divina, alla dignità di figli di Dio (Seconda Lettura - Ef 1,3-6.11-12).

In questa giornata nella nostra parrocchia celebriamo durante la S. Messa delle ore 10:00 la vestizione dei Ministranti. Al termine della Celebrazione Eucaristica ci sarà l'omaggio floreale alla Madonna Immacolata che è presente all'angolo delle vie Pasella e Pala di Carru.
Non ci sarà la S. Messa delle 11:30.
La sera alle 16:30 si festeggierà tutti insieme, grandi e piccoli nel salone parrocchiale.



» ASCOLTA L'OMELIA DELLA IIa DOMENICA DI AVVENTO CLICCANDO QUI «

CENTRI DI ASCOLTO DELLA PAROLA DI DIO

Ecco il calendario dei Centri di Ascolto della Parola di Dio:
- MERCOLEDI' 9 DICEMBRE ore 19:00
- MARTEDI' 15 DICEMBRE ore 19:00

Ecco i luoghi d'incontro:
- Fam. Concas-Usai, via Crovetti 14
- Fam. Lai-Manos, via Ettore Mura 25/a
- Fam. Sedda-Boeddu, via Pinna Parpaglia 21/e
- Fam. Cuccu-Baldino, via Salvo D'Acquisto 6
- Fam. Bassu-Salaris, via Millelire 9
- Fam. Martinez, via Paselle 6
- Fam. Tassi Ines, via Nicolò Piras 13




-  IIa DOMENICA DI AVVENTO

Sassari
04/12/2009


IIa DOMENICA DI AVVENTO
«PREPARATE LA VIA DEL SIGNORE, RADDRIZZATE I SUOI SENTIERI!»

Luca 3,4
    

+ VANGELO SECONDO LUCA (Lc 3,1-6)

Nell’anno quindicesimo dell’impero di Tiberio Cesare, mentre Ponzio Pilato era governatore della Giudea, Erode tetràrca della Galilea, e Filippo, suo fratello, tetràrca dell’Iturèa e della Traconìtide, e Lisània tetràrca dell’Abilène, sotto i sommi sacerdoti Anna e Càifa, la parola di Dio venne su Giovanni, figlio di Zaccarìa, nel deserto. Egli percorse tutta la regione del Giordano, predicando un battesimo di conversione per il perdono dei peccati, com’è scritto nel libro degli oracoli del profeta Isaìa: «Voce di uno che grida nel deserto: Preparate la via del Signore, raddrizzate i suoi sentieri! Ogni burrone sarà riempito, ogni monte e ogni colle sarà abbassato; le vie tortuose diverranno diritte e quelle impervie, spianate. Ogni uomo vedrà la salvezza di Dio!».


La liturgia della seconda domenica di avvento ci invita ad un’illimitata confidenza nel Signore che con noi ripercorre la via del deserto per mostrarsi a Betlemme. Il profeta Baruc (Prima Lettura - Bar 5,1-9) e il Salmo narrano il ritorno degli ebrei dall’esilio. La strada del deserto, percorsa con gli occhi velati dalle lacrime il giorno della loro deportazione in Babilonia (VI sec. a.C.), è ripercorsa ora a ritroso tra canti di esultanza. Dio stesso nel deserto appiana le alture, spiana le valli e livella il terreno. Il deserto diventa così luogo di transito per uscire dalla schiavitù a luogo di redenzione. Anzi si trasforma in foreste ed alberi odoriferi che proteggono i pellegrini dai raggi del sole.

Nel Vangelo Giovanni Battista, rifacendosi al profeta Isaia, dipinge l’imminenza della salvezza con l’immagine della strada: nel deserto "preparate la via del Signore". Bisogna mettersi in cammino sulla via del Signore raddrizzando nei nostri cuori le vie tortuose e spianando le alture della superbia. San Paolo (Seconda Lettura - Fil 1,4-6.8-11) esorta ad esser pronti per il giorno del Signore, perseverando nel bene e nel discernimento, onde intuire ciò che dobbiamo fare quando egli verrà nel suo Natale.



» ASCOLTA L'OMELIA DI QUESTA DOMENICA CLICCANDO QUI «

CENTRI DI ASCOLTO DELLA PAROLA DI DIO

Ecco il calendario dei Centri di Ascolto della Parola di Dio:
- MERCOLEDI' 9 DICEMBRE ore 19:00
- MARTEDI' 15 DICEMBRE ore 19:00

Ecco i luoghi d'incontro:
- Fam. Concas-Usai, via Crovetti 14
- Fam. Lai-Manos, via Ettore Mura 25/a
- Fam. Sedda-Boeddu, via Pinna Parpaglia 21/e
- Fam. Cuccu-Baldino, via Salvo D'Acquisto 6
- Fam. Bassu-Salaris, via Millelire 9
- Fam. Martinez, via Paselle 6
- Fam. Tassi Ines, via Nicolò Piras 13




Archivio 2009
Di seguito trovate tutte le notizie divise per mesi.
¤   Gennaio  ¤
¤  Febbraio  ¤
¤    Marzo   ¤
¤   Aprile   ¤
¤   Maggio   ¤
¤   Giugno   ¤
¤   Luglio   ¤
¤   Agosto   ¤
¤  Settembre ¤
¤   Ottobre  ¤
¤  Novembre  ¤
¤  Dicembre  ¤
Archivio 2019
Archivio 2018
Archivio 2017
Archivio 2016
Archivio 2015
Archivio 2014
Archivio 2013
Archivio 2012
Archivio 2011
Archivio 2010
Archivio 2009
Archivio 2008
Archivio 2007
Archivio 2006
Archivio 2005
© 2005-2018 | Tutti i diritti riservati a www.sanpioxlipunti.it - Sito realizzato con GIMP ed altri software con licenza free.
Per info contattare il webmaster quì. Buona navigazione!

Spazio sottostante riservato ai banner di altri siti di ispirazione cattolica